Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Società costituita con l'erede (oggetto della collazione)



L'art. 743 cod.civ. dispone che non è dovuta collazione di quello che si è conseguito per effetto di società contratta senza frode tra il defunto ed alcuno dei suoi eredi nota1. Ciò qualora le relative condizioni contrattuali siano state regolate con atto di data certa nota2.

La norma sottolinea la possibilità che venga utilizzata l'apparenza di una struttura societaria per dissimulare una liberalità donativa, come tale da assoggettare a collazione. Più che altro la regola appare tuttavia ispirata a porre un limite al conferimento alla massa ereditaria nota3. Deve infatti rammentarsi che le partecipazioni in società di persone come tali non rientrano nell'asse, dovendo in esso comprendersi il mero diritto di credito corrispondente al valore della quota del defunto.

Note

nota1

Per frode deve intendersi non già la frode alla legge, ma l'intenzione di ledere i diritti degli altri eredi, nascondendo una liberalità: Giannattasio, Delle successioni. Divisione-donazione, in Comm.cod.civ., Torino, 1980, p.131.
top1

nota2

La mancanza della data certa non determinerebbe una presunzione assoluta, per cui il coerede socio potrebbe superare la presunzione dimostrando l'inesistenza di una liberalità occulta (Nicolò, Collazione di lucri derivanti da società tra defunto ed erede, in Raccolta di scritti, I, Milano, 1980, p.293 contra Carresi, Osservazioni in tema di prova della data delle scritture private rispetto ai terzi, in Studi in memoria di F.Salvi, Bologna, 1960, p.136).
top2

nota3

La norma intenderebbe prevedere una presunzione di liberalità per i vantaggi conseguenti ad una partecipazione societaria dell'erede in mancanza di un contratto stipulato senza frode con l'ereditando, risultante da atto certo, stante la difficoltà di dare la prova della gratuità (così Bianca, Diritto civile, vol.II, Milano, 1985, p.659 e Nicolò, op.cit., p.289). Contra cfr . Cicu, Successioni per causa di morte: parte generale, in Tratt.dir.civ. e comm., diretto da Cicu-Messineo, Milano, 1961, p.525 a giudizio del quale dalla norma non discende alcuna presunzione (neppure relativa) onde sarebbe onere di chi agisce per ottenere la collazione provare la donazione indiretta.
top3

Bibliografia

  • BIANCA, Diritto civile, Milano, III, 1985
  • CARRESI, Osservazioni in tema di prova della data delle scritture private rispetto ai terzi, Bologna, Studi in memoria di Francesco Salvi, 1960
  • NICOLO', Collazione di lucri derivanti da società tra erede e defunto, Milano, 1980

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Società costituita con l'erede (oggetto della collazione)
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Società costituita con l'erede (oggetto della collazione)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto