Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Segni distintivi dell'imprenditore in genere



Ditta, insegna e marchio sono segni distintivi dell'imprenditore nota1.

L'insegna individua i locali ove viene esercitata l'impresa.
La ditta ha come termine di riferimento la persona dell'imprenditore.
Il marchio distingue i beni o i servizi prodotti.
Tutti i segni distintivi hanno la funzione di favorire e incrementare la clientela consentendo a questa di identificare l'imprenditore distinguendolo da altri.

Si possono enucleare alcuni principi fondamentali in tema di segni distintivi:
a. l'imprenditore, pur essendo libero nel formare tali segni, al fine di evitare confondibilità deve rispettare criteri determinati quali quelli di verità, novità, capacità distintiva, liceità;
b. esiste il diritto all'esclusività dell'utilizzo dei segni distintivi, pur non potendo l'imprenditore impedire che altri adottino segno analogo nell'ipotesi in cui non vi sia pericolo di confusione o sviamento della clientela a causa della diversità dell'attività di impresa. Questa regola deve essere tuttavia coniugata con le norme poste a tutela del marchio registrato;
c. il trasferimento dei segni distintivi, quando possibile, è assoggettato a regole specifiche e determinate.

Note

nota1

Si tenga presente che, oltre agli artt. 2563-2574 cod. civ. riguardanti tali segni distintivi, fondamentale importanza riveste il codice della proprietà industriale (D. Lgs. 30/05 ) che ha abrogato le precedenti disposizioni (RD del 21 giugno 1942, n. 929 , la c.d. "legge marchi", come modificata dal D. Lgs. del 04 dicembre 1992, n. 480), in quanto regola non soltanto l'utilizzo del marchio stesso, bensì anche quello della ditta e dell'insegna usati in funzione di marchio, eventualità sempre più frequente nella prassi odierna grazie all'utilizzazione di tipologie nuove di contratto, quali ad esempio il franchising. Si vedano, tra gli altri, Bussani-Cendon, I contratti nuovi. Leasing, Factoring, Franchising, Milano, 1989, p. 392; Mangini, Il marchio e gli altri segni distintivi, in Tratt. dir. comm. e dir. pubbl. dell'economia, diretto da Galgano, Padova, 1982, e Ditta, in Dig. disc. priv., vol. V, 1990, pp. 76 e ss..
top1

Bibliografia

  • BUSSANI CENDON, I contratti nuovi. Leasing, factoring, franchising, Milano, 1989
  • DITTA, Dig. disc. priv., V, 1990
  • MANGINI, Il marchio e gli altri segni distintivi, Padova, Tratt. di dir.comm. e dir. pubbl. ec. diretto Galgano, vol. XXII, 1982

News collegate

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Segni distintivi dell'imprenditore in genere
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Segni distintivi dell'imprenditore in genere"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto