Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Risoluzione N. 83/E, ONLUS, partecipazioni societarie


Roma, 30 giugno 2005

Oggetto: ONLUS. Partecipazioni societarie. Art. 10 del decreto legislativo 4 dicembre 1997, n. 460

Pervengono presso questa Direzione numerosi quesiti in merito alla possibilita' per le ONLUS di detenere partecipazioni in societa' di capitali.

Al riguardo, si ritiene che la detenzione di partecipazioni in societa' di capitali sia consentita alle ONLUS a condizione che il possesso di titoli o quote di partecipazione in soggetti societari, in considerazione dell'entita' della partecipazione e del ruolo effettivamente svolto nella societa' partecipata, si sostanzi in una gestione statico-conservativa del patrimonio, realizzando un impiego delle risorse patrimoniali finalizzato alla percezione di utili da destinare al raggiungimento degli scopi istituzionali.

Al contrario, qualora la ONLUS mediante la partecipazione in societa' assuma funzioni di coordinamento e direzione della societa' partecipata, esercitando un'influenza dominante ed incidendo in modo determinante sulle scelte operative degli organi della societa' stessa, si configura lo svolgimento di una attivita' non consentita alle ONLUS ai sensi dell'art. 10 del decreto legislativo 4 dicembre 1997, n. 460.

In sostanza e' preclusa alle ONLUS, pena la perdita della qualifica, la possibilita' di detenere partecipazioni in societa' nel caso in cui, mediante la partecipazione, venga esercitata un'attivita' di gestione della societa' partecipata.

Tale circostanza ricorre verosimilmente qualora l'organizzazione detenga una partecipazione di controllo nella societa' partecipata, assumendo un ruolo assimilabile a quello di un'ordinaria controllante.
Non rileva, a tal fine, il fatto che l'oggetto della societa' partecipata sia lo svolgimento di attivita' analoghe a quelle istituzionali dell'organizzazione non lucrativa di utilita' sociale che detiene la partecipazione.

Fermi restando i principi sopra enunciati, per quanto riguarda la possibilita' per le ONLUS di detenere partecipazioni in societa' di persone, si precisa, altresi', che non e' compatibile con la qualifica di ONLUS l'assunzione di responsabilita' patrimoniale illimitata, atteso il vincolo sulla destinazione del patrimonio imposto dall'art. 10 del decreto legislativo n. 460 del 1997.

Allegati:
ONLUS, partecipazioni societarie

Documenti collegati

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Risoluzione N. 83/E, ONLUS, partecipazioni societarie
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Risoluzione N. 83/E, ONLUS, partecipazioni societarie"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto