Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Rinunziabilità ai testimoni ex art. 57 l.n




Nel caso disciplinato dai primi due commi dell'art. 57 l.n. (intervento in atto di muto o sordo che sa leggere e scrivere), è ammissibile che si possa rinunciare ai testi, in considerazione del fatto che il muto o il sordo è in grado di leggere e scrivere (sempre che le altre parti costituite possano idoneamente rinunciare ai testi).

Nel caso invece, in cui la parte minorata non sia in grado di leggere e scrivere, quale che sia la ragione che impedisce alla parte di effettuare l'una o l'altra di tali operazioni, sarà necessario che il linguaggio con cui si esprime la parte muta o sorda (espressione che sostituisce la precedente "sordomuta" per effetto dell'art. 1 della Legge 95/2006) sia compreso, oltre che dall'interprete, anche da uno dei testimoni, che diventano in tale frangente assolutamente non rinunciabili.

News collegate

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Rinunziabilità ai testimoni ex art. 57 l.n
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Rinunziabilità ai testimoni ex art. 57 l.n"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto