Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Rimozione della cosa legata ad opera del terzo (legato di cosa da prendersi da certo luogo)



L'art. 655 cod.civ., che pure assume in considerazione la rimozione temporanea della cosa legata da prendersi da certo luogo, nulla contempla circa l'asportazione delle cose che intervenga ad opera di un terzo. Escludendo l'ipotesi in cui detto terzo operi essendo stato incaricato dal disponente (ciò che varrebbe a riproporre la riferita differenza tra rimozione temporanea e definitiva nota1), appare evidente che, qualora detto soggetto abbia agito motu proprio, la condotta non possa avere l'effetto di rendere inefficace il legato. Si tratterà di un comportamento spesso illegittimo, sicuramente arbitrario nota2, ma che comunque non può valere a porre nel nulla la disposizione a titolo particolare.

Cosa riferire del caso in cui il testatore, venuto a sapere della rimozione delle cose ad opera del terzo, sia rimasto inerte? il nodo è più difficile da sciogliere di quanto possa sembrare. E' fin troppo facile osservare che se il testatore ha accettato l'agire del terzo (quando addirittura si sia espresso positivamente ratificandone l'operato) con ciò sia ricondotto alla sua volontà nota3. E tutte le volte in cui sia rimasto semplicemente silente e non abbia riportato le cose ove si trovavano? non sembra che possa, da un contegno meramente omissivo, trarsi sempre e comunque la conclusione dell'inoperatività del legato. Si tratta, a ben vedere, di una quaestio voluntatis in relazione alla quale non si può dire automaticamente applicabile la dinamica oggettiva secondo la quale opera l'art.655 cod.civ..

nota1

Note

nota1

Caramazza, Delle successioni testamentarie (Artt.587-712), in Comm.teorico-pratico al cod.civ., diretto da De Martino, Novara-Roma, 1982, p.381.
top1

nota

nota2

Capozzi, Successioni e donazioni, Milano, 2002, p.654.
top2

nota3

Palazzo, Le successioni, in Tratt.dir.priv., diretto da Iudica-Zatti, vol.II, Milano, 2000, p.692.
top3

Bibliografia

  • CARAMAZZA, Delle successioni testamentarie, Novara-Roma, Comm. teor.-prat. cod.civ. dir. De Martino, 1982
  • PALAZZO, Le successioni, Milano, Tratt.dir.priv. cura Iudica e Zatti , II, 2000

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Rimozione della cosa legata ad opera del terzo (legato di cosa da prendersi da certo luogo)
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Rimozione della cosa legata ad opera del terzo (legato di cosa da prendersi da certo luogo)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto