Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Rilevanza dell'errore nella rinunzia d'eredità



La rinunzia d'eredità non è impugnabile per errore. In questo senso sussiste una limitata analogia con l'accettazione dell'eredità, a proposito della quale tuttavia l'art. 483 cod.civ. prevede al II comma una sorta di eccezione che si riferisce alla situazione di ignoranza circa l'esistenza di un testamento che disponga diversamente rispetto a quello noto. L'art. 526 cod.civ. parla invece soltanto della possibilità di impugnare la rinunzia per dolo o per violenza, implicitamente escludendo analoga rilevanza per l'errore.

E' tuttavia pacifica anche in tema di rinunzia all'eredità la configurabilità dell'errore ostativo nota1, discutendosi peraltro circa le conseguenze di esso: a fronte di chi ritiene che si produrrebbe la nullità della rinunzia nota2, v'è chi fa menzione della semplice annullabilità nota3.

Note

nota1

Cfr. Cicu, Successioni per causa di morte. Parte generale: delazione e acquisto dell'eredità. Divisione ereditaria, in Tratt. dir. civ. e comm., diretto da Cicu-Messineo, Milano, 1961, p.213; Messineo, Manuale di diritto civile e commerciale, Milano, 1962, pp.453 e ss.; Capozzi, Successioni e donazioni, Milano, 1983, p.221.
top1

nota2

In tal senso Barassi, Le successioni a causa di morte, Milano, 1947, p.162; Grosso-Burdese, Le successioni, in Tratt. dir. civ. it., diretto da Vassalli, Torino, 1977, p.342, i quali sottolineano il ruolo essenziale svolto dalla volontà del disponente in tema di atti unilaterali non recettizi: la mancanza da parte del rinunziante della effettiva volizione dell'oggetto della dichiarazione determinerebbe la nullità dell'atto.
top2

nota3

Si vedano Azzariti, Le successioni e le donazioni, Padova, 1982, p.154; Prestipino, Delle successioni in generale, in Comm. teorico-pratico cod. civ., diretto da De Martino, Novara-Roma, 1981, p.471, che ritengono che si dovrebbe applicare l'ultimo comma dell'art.1442 cod.civ. laddove prevede che l'annullabilità può essere fatta valere in via di eccezione, in ogni tempo.
top3

Bibliografia

  • AZZARITI, Le successioni e le donazioni: Libro secondo del Codice Civile, Padova, 1982
  • BARASSI, Le successioni per causa di morte, Milano, 1947
  • CAPOZZI, Successioni e donazioni, Milano, 1983
  • GROSSO-BURDESE, Le successioni. Parte generale, Torino, Tratt.dir.civ. it. diretto da Vassalli, XII - t.1, 1977
  • PRESTIPINO, Delle successioni in generale, Novara-Roma, Comm.cod.civ., dir. da De Martino, 1981

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Rilevanza dell'errore nella rinunzia d'eredità
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Rilevanza dell'errore nella rinunzia d'eredità"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto