Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Riconoscimento del diritto



Il riconoscimento del diritto operato dal debitore vale ad interrompere la prescrizione pur perdurando l'inazione del creditore (art. 2944 cod.civ.). Si noti che, come sarà oggetto di analisi aliunde, l'ammissione del debito nelle prescrizioni presuntive svolge il diverso ruolo di cui all'art. 2959 cod.civ.. Nell'ambito della prescrizione estintiva il riconoscimento del diritto viene apprezzato, se anteriore alla scadenza del termine prescrizionale, quale atto interruttivo avente natura di mero atto giuridico non recettizio (Cass. Civ. Sez. Lavoro, 5939/96)nota1, se successivo al decorso, quale eventuale atto di rinunzia successiva ad avvalersi dell'efficacia estintiva.

Note

nota1

Configura l'atto di riconoscimento come atto giuridico non negoziale anche Ferrucci, Della prescrizione e della decadenza, in Comm.cod.civ., Torino,1982, p.458, sulla base della considerazione che gli effetti di esso si producono indipendentemente dalla presenza di un elemento intenzionale della dichiarazione.
top1

Bibliografia

  • FERRUCCI, Della prescrizione e della decadenza, Torino, Comm.cod.civ., 1980

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Riconoscimento del diritto
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Riconoscimento del diritto"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto