Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Ricognizione della rendita



Qualora la rendita (o altra prestazione annua) abbia una durata superiore ai dieci anni, il debitore deve fornire al creditore, a richiesta di quest'ultimo, un nuovo documento che riconosca il relativo diritto.

L'art.1870 cod.civ. prevede espressamente questo obbligo del debitore che sorge una volta che siano trascorsi nove anni dalla data del precedente documento che riflette l'obbligazione periodica.

E' chiara la natura ricognitiva della cartula in considerazione, che viene a sostanziare un'ipotesi di negozio di accertamento nota1 del tutto analoga strutturalmente a quella di cui all'art. 969 cod.civ., afferente alla ricognizione di enfiteusi.

Il perfezionamento della dichiarazione in esame da un lato svolge evidenti funzioni probatorie con riferimento alla sostanza del rapporto, dall'altro vale a scongiurare la possibilità che il debitore invochi la prescrizione estintiva decennale.

Secondo l'opinione prevalente la norma in esame sarebbe applicabile anche alla rendita vitalizia nota2 .

Note

nota1

Così Torrente, Rendita perpetua, rendita vitalizia, in Comm. cod.civ. a cura di Scialoja e Branca, Bologna-Roma, 1966, p.59. Contra, Valsecchi, La rendita perpetua e la rendita vitalizia, in Tratt. dir. civ. e comm. diretto da Cicu e Messineo, Milano, 1961, p.58, secondo il quale si tratterebbe di un mero atto giuridico, una semplice dichiarazione di scienza. Questa qualificazione tuttavia non sortisce alcun risultato se non quello di riproporre la non risolta questione dell'essenza dell'accertamento negoziale (con speciale riferimento alla differenza che si pone tra dichiarazione confessoria e ricognizione di debito).
top1

nota2

La formulazione della norma infatti lascerebbe intuire un ampio e generale ambito di applicazione della stessa: Lanzio e Maiorca, in Comm.cod.civ., dir. da Cendon, vol.IV, Torino, 1999, p.1609.
top2

 

Bibliografia

  • LANZIO MAIORCA, Torino, Comm.cod.civ.dir.da Cendon, IV, 1999
  • TORRENTE, Rendita perpetua rendita vitalizia, Bologna Roma, Comm.cod.civ.Scialoja Branca, 1966
  • VALSECCHI, La rendita perpetua e la rendita vitalizia, Milano, Tratt.dir.civ. e comm. dir. Cicu Messineo, 1961

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Ricognizione della rendita
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Ricognizione della rendita"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto