Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Revocabilità della rinunzia



Ci si interroga circa la possibilità di revocare la rinunzia abdicativa. Generalmente l'irrevocabilità viene giustificata sulla base dell'intervenuta produzione dell'effetto dismissivo del diritto: una volta determinatasi l'estinzione di esso ne risulterebbe impossibile il riacquisto per mezzo di un atto unilaterale ad opera dello stesso rinunziante nota1 . Si badi tuttavia alla revoca della rinunzia all'eredità di cui all'art. 525 cod.civ.. Essa risulta infatti praticabile con l'effetto di determinare l'accettazione dell'eredità ogniqualvolta essa non sia stata acquisita dai chiamati in subordinenota2 .

Note

nota1

Bozzi, voce Rinunzia, in N.sso Dig.it., XV, Torino, 1968, p.1145.
top1

nota2

Moscarini, voce Rinunzia, in Enc.Giur.Treccani, p.6. Si può perciò affermare che, ogniqualvolta siamo di fronte ad una rinunzia  meramente abdicativa e si crei una situazione di vacanza del diritto, sia da ammettere la revocabilità della rinunzia (Sicchiero, voce Rinunzia, in Enc.dir., p.656). Diversa, invece, sarebbe la conclusione in tema di rinunzia traslativa, perché la medesima produce immediatamente, oltre la dismissione del diritto, anche l'effetto traslativo a favore del nuovo acquirente.
top2

Bibliografia

  • BOZZI, voce Rinunzia (dir. pubbl. e priv.), N.mo Dig. it.
  • MACIOCE, voce Rinunzia, Enc. giur.
  • SICCHIERO, Rinunzia, Enc.dir.

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Revocabilità della rinunzia
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Revocabilità della rinunzia"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto