Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Repertorio degli atti mortis causa




Accanto al repertorio degli atti tra vivi, la legge notarile prescrive come obbligatorio anche il repertorio su cui annotare la ricezione degli atti mortis causa.

Per quanto riguarda tale repertorio esso conterrà, per espressa previsione normativa, solo i dati relativi alle prime quattro colonne del repertorio inter vivos; in pratica vanno annotati solo il numero progressivo di ricezione, la data ed il luogo di ricezione, la natura dell'atto, e i completi dati identificativi del soggetto.

Il termine entro cui procedere alla annotazione dell'atto ricevuto, rimane anche per tale repertorio la mezzanotte del giorno in cui l'atto fu completato.

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Repertorio degli atti mortis causa
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Repertorio degli atti mortis causa"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto