Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Regio Decreto Legge del 1937 numero 1666 art. 22


Il notaro che contravviene alle disposizioni degli art. 26, della legge 16 febbraio 1913, n. 89, 8 e 9 del presente decreto, è punito disciplinarmente con l'ammenda da lire 1.600 a lire 8.000 ( La misura dell'ammenda è stata così elevata dall'art. 24, D.Lgs. 9 aprile 1948, n. 528. Non si è provveduto ad applicare l'ulteriore aumento di cinque volte previsto dall'art. 113, secondo comma, L. 24 novembre 1981, n. 689, perché la pena dell'ammenda ha carattere disciplinare e quindi non rientra nell'ambito di applicazione della citata L. 24 novembre 1981, n. 689, per espressa previsione dell'art. 12 della legge stessa.12). In caso di recidiva è punito con la sospensione da uno a sei mesi e in caso di ulteriore recidiva è punito con la destituzione.
Il notaro che contravviene alle disposizioni degli artt. 2 e 19 è punito con la sanzione amministrativa da lire 10.000 a lire 25.000 (La sanzione originaria dell'ammenda è stata sostituita, da ultimo, con la sanzione amministrativa dall'art. 32, L. 24 novembre 1981, n. 689. L'importo della sanzione è stato così elevato dall'art. 24, D.Lgs. 9 aprile 1948, n. 528, nonché dall'art. 114, primo comma, della citata L. 24 novembre 1981, n. 689, in relazione all'art. 113, secondo e quinto comma, della stessa legge.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Regio Decreto Legge del 1937 numero 1666 art. 22"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto