Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Regio Decreto del 1933 numero 1775 art. 29


Al termine dell'utenza tutte le opere e gli impianti che devono
passare allo Stato senza compenso, a norma degli artt. 25, comma
primo, e 28, comma secondo, restano franchi e liberi di ogni
privilegio, ipoteca od altro diritto reale.
Per le opere e gli impianti nei quali lo Stato ha facoltà
d'immettersi in possesso a norma del secondo comma del citato art.
25, i diritti derivanti da ipoteche o da altre garanzie reali si
esercitano sulle somme dovute dallo Stato.
Nel caso di decadenza o rinunzia restano salve, limitatamente alle
somme somministrate, le ipoteche e le altre garanzie reali a favore
dei creditori che abbiano ottenuto per il contratto di mutuo il nulla
osta dei Ministeri dei lavori pubblici e delle finanze.
Per i mutui stipulati anteriormente all'entrata in vigore della
presente legge, restano salve, nei limiti di cui sopra, le ipoteche e
le garanzie reali regolarmente costituite prima della entrata in
vigore della legge stessa.
(Articolo così abrogato dall'art. 58 dpr 327/2001).

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Regio Decreto del 1933 numero 1775 art. 29"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto