Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Regio Decreto del 1933 numero 1775 art. 151


Ogni istanza ai Tribunali delle acque pubbliche si propone con
ricorso notificato con le norme stabilite negli artt. 135 e 144,
primo comma ( ora, artt. 137 e 138 cod.proc.civ.), del Codice di procedura civile e per quanto riguarda le amministrazioni dello Stato, con l'osservanza delle norme contenute nel R.D. 31 dicembre 1923, n. 2828, sul foro erariale (ora r.d. 30 ottobre 1933, n. 1611 e l. 25 marzo 1958, n. 260.).
Può essere anche autorizzata la notificazione per proclami pubblici
con decreto del presidente nei casi e con le norme indicate nell'art.
146 dello stesso Codice (ora, art. 150 cod.proc.civ. del 1942).
Nel ricorso deve essere contenuta la citazione a comparire dinanzi
al giudice del Tribunale delle acque, delegato a norma dell'articolo
157 della presente legge.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Regio Decreto del 1933 numero 1775 art. 151"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto