Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Regio Decreto del 1933 numero 1775 art. 138


Presso ciascuna delle sottoindicate sedi di Corte di Appello è
istituito un Tribunale regionale delle acque pubbliche:
1) Torino: per le circoscrizioni delle Corti di Appello di Torino
e Genova;
2) Milano: per le circoscrizioni delle Corti di Appello di Milano
e Brescia;
3) Venezia: per le circoscrizioni delle Corti di Appello di
Venezia e Trieste;
4) Firenze: per le circoscrizioni delle Corti di Appello di
Bologna e Firenze;
5) Roma: per le circoscrizioni delle Corti di Appello di Roma,
Aquila ed Ancona;
6) Napoli: per le circoscrizioni delle Corti di Appello di
Napoli, Bari e Catanzaro;
7) Palermo: per le circoscrizioni delle Corti di Appello di
Palermo, Catania e Messina;
8) Cagliari: per la circoscrizione della Corte di Appello di
Cagliari.
Il Tribunale è costituito da una sezione della Corte di Appello
designata dal primo presidente, alla quale sono aggregati tre
funzionari del Genio civile designati dal presidente del Consiglio
superiore dei lavori pubblici e nominati con decreto del Presidente
della Repubblica, su proposta del Ministro Guardasigilli.
Essi durano in carica cinque anni e possono essere riconfermati.
(Omissis) (comma abrogato dall'art. 1 l. 18 gennaio 1949, n. 18. Vedi,
ora, l. 1 agosto 1959, n. 704).
I Tribunali delle acque pubbliche decidono con intervento di tre
votanti, uno dei quali deve essere funzionario del Genio civile.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Regio Decreto del 1933 numero 1775 art. 138"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto