Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Regio Decreto del 1933 numero 1775 art. 130


E' proibito a chiunque non sia autorizzato per ragioni di servizio:
a) di collocare oggetti sugli appoggi, sui conduttori e su
qualsiasi apparecchio degli impianti di produzione, trasformazione,
trasmissione e distribuzione dell'energia elettrica, di toccarli o
lanciare contro di essi cose che possano danneggiarli o comunque
alterare il regolare funzionamento degli impianti, di tagliare od in
altro modo manomettere le condutture elettriche;
b) di introdursi o lasciare introdurre persone o animali senza
speciale autorizzazione nei recinti chiusi destinati alla produzione,
trasformazione, trasmissione e distribuzione dell'energia elettrica;
c) di manovrare od alterare comunque per qualsiasi motivo gli
apparecchi e dispositivi che servono alla produzione, trasformazione
e distribuzione dell'energia elettrica.
Chiunque, compiendo uno dei fatti vietati dal presente articolo o
in altro modo, cagiona per colpa un disastro, è punito a termini
dell'art. 449 del Codice penale. Se abbia soltanto fatto sorgere il
pericolo del disastro è soggetto alle pene dell'articolo 450 del
Codice predetto. Qualora il fatto sia doloso si applicano le pene
previste dall'art. 433 dello stesso Codice.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Regio Decreto del 1933 numero 1775 art. 130"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto