Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Regio Decreto del 1913 numero 363 art. 146


L'ufficio di esportazione, quando debba restituire una cosa per cui si è imposto il veto di esportazione, accerterà anzitutto qual sia il proprietario della cosa e a lui e non ad altri la riconsegnerà, previa notificazione nei modi di cui all'art. 53, e dei seguenti obblighi:
a) di non trasferire in niun caso la cosa all'estero;
b) di tenerla sottoposta alle norme degli articoli 5, 6, 7, 13, della L. 20 giugno 1909, n. 364, nonché delle corrispondenti disposizioni del tit. I del presente regolamento, e rispettive sanzioni civili e penali;
c) di non trasportarla da un luogo all'altro del Regno senza averne dato preavviso alla competente sovrintendenza almeno dieci giorni prima del divisato trasporto, con pieno diritto di questa a sorvegliare tutte le operazioni relative;
d) di provvedere a proprie spese ai restauri che il Ministero reputasse necessari per la conservazione della cosa.
Una copia della notificazione di cui sopra verrà rimessa al Ministero, e ad essa saranno allegate una o più fotografie eseguite a cura dell'ufficio.
Il Ministero invierà copia della notificazione alla sovrintendenza competente per ragione di materia e di territorio, affinché ne prenda speciale nota.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Regio Decreto del 1913 numero 363 art. 146"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto