Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Rapporto tra condizioni generali e clausole d'uso



Un uso negoziale può possedere un contenuto corrispondente a quello di una delle clausole per le quali l'art. 1341 cod.civ. prescrive la sottoscrizione separata a pena di inefficacia (c.d. clausole vessatorie).

In questo senso, si può osservare che l'utilizzo reiterato e costante, in un determinato ambito di contrattazioni, del richiamo a condizioni generali di contratto può valere a far assumere alle medesime le caratteristiche proprie delle clausole d'uso.

In quanto certe condizioni sono solitamente richiamate negli accordi stipulati tra l'imprenditore e il cliente, vengono con il tempo a cristallizzarsi in veri e propri usi contrattuali. Il quesito che si pone a questo proposito è se l'assunzione della clausola di cui alle condizioni generali  al rango di clausola d'uso ex art. 1340 cod.civ. valga ad escludere l'applicabilità del disposto di cui al II° comma dell'art. 1341 cod.civ..

La risposta negativa nota1 che la giurisprudenza ha dato all'interrogativo non esclude che si possa invece concludere in senso contrario per quanto attiene alla vincolatività dell' uso normativo che corrisponda al contenuto della clausola vessatoria, la quale, conseguentemente, non sarebbe soggetta ad una specifica approvazione scritta (Cass. Civ. Sez. II, 5024/94)nota2.

Note

nota1

In tal senso Scialoja, Natura ed efficacia dei c.d. Usi cotonieri, in Foro it. vol. I, 1950, p. 370. Contra Pavone La Rosa, Gli usi bancari, in Banca, borsa, titoli, 1977,  I, p. 26, il quale ritiene che il requisito dell'approvazione specifica non possa estendersi alle clausole d'uso (salvo che queste non siano richiamate e fatte proprie da alcuna delle parti), essendo ad esse estraneo l'elemento della unilaterale "predisposizione", nel senso presupposto dagli art. 1341 cod.civ. e 1342 cod.civ..
top1

nota2

Si esclude tuttavia che la clausola vessatoria possa acquistare efficacia in base ad usi normativi, in quanto essi rinvengono il limite della legge: Bianca, Diritto civile, vol. III, Milano, 2000, p. 352.
top2

 

Bibliografia

  • PAVONE LA ROSA, Gli usi bancari, Banca, borsa, titoli, 1977
  • SCIALOJA, Natura ed efficacia dei c.d. Usi cotonieri, Foro it., I, 1950

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Rapporto tra condizioni generali e clausole d'uso
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Rapporto tra condizioni generali e clausole d'uso"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto