Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Presupposto legale di efficacia



Il presupposto  legale di efficacia consiste in quel requisito d'efficacia dell'atto che deve precedere il perfezionamento di esso, che, al più tardi, deve sussistere nel momento in cui il negozio è compiuto.

Secondo un'opinionenota1 sarebbero presupposti legali la capacità di agire e le autorizzazioni in genere.

Può essere considerata quale presupposto ai fini della produzione degli effetti dell'atto negoziale la procura, in difetto della quale l'atto stesso non sortisce efficacia né per il rappresentato né per il rappresentante.

La categoria è controversa: in particolare l'osservazione in base alla quale il difetto di un presupposto legale potrebbe dare luogo anche ad una situazione di invalidità (si pensi al difetto di capacità negoziale che produce annullabilità dell'atto, situazione giuridica connotata da un'efficacia interinale dell'atto) impedisce di scolpire con sufficiente precisione un concetto univocamente definibile di presupposto legale di efficacia, da contrapporre alla nozione di presupposto volontario di efficacia (essa invece contraddistinta da una propria autonomia concettuale e funzionale).

Anche l'osservazione in base alla quale il difetto del presupposto legale, ogniqualvolta non cagionasse la nullità del negozio, potrebbe essere surrogato da un elemento qualificabile come condicio iuris posteriore al con­tratto, non sembra concludente.

Viene fatto a questo propositonota2 l'esempio dell'« approvazione » successiva che tien luogo dell'autorizzazione mancante, della ratifica susseguente (art. 1399 cod.civ.) nel caso in cui fosse mancata la «procura», della «convalida» quando l'agente avesse compiuto l'atto nonostante la situazione di incapacità negoziale (art. 1444 cod.civ.).

Si tratta invero di situazioni non omogenee, in relazione alle quali la costruzione dell'atto susseguente in chiave di condicio juris non svolge altro se non la funzione di una, seppur suggestiva, notazione descrittiva.

In realtà è dubbio tra gli interpreti quale sia l'effetto di una approvazione: se cioè essa venga o meno a sanare retroattivamente il difetto di preventiva autorizzazione (pur essendo il fenomeno attualmente marginale anche in relazione all'abrogazione dell'art. 17 cod.civ.). E', al contrario, sicuro che mentre la ratifica elimina retroattivamente una situazione di inefficacia, la convalida interviene piuttosto eliminando ex tunc una situazione di invalidità (annullabilità)nota3.

Note

nota1

Barbero, Il sistema del diritto privato, Torino, 1993, p.288.
top1

nota2

Cfr.Barbero, cit., p.288.
top2

nota3

Così, Santoro-Passarelli, Dottrine generali del diritto civile, Napoli, 1997, p.257.
top3

 

Bibliografia

  • SANTORO PASSARELLI, Dottrine generali del diritto civile, Napoli, 2002

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Presupposto legale di efficacia
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Presupposto legale di efficacia"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto