Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Presenza dei testi per le donazioni



L'art. 48 l.n. prevede, in tema di donazioni, la necessaria presenza dei testimoni. In tale nozione rientrano tutte donazioni dirette (remuneratorie, liberatorie, obnuziali, rinunzia traslativa a titolo gratuito nota1).

Non sono invece da includere le donazioni indirette (Cass. Civ. Sez.II, 1214/97 ) o il c.d. negotium mixtum cum donatione (Cass. Civ., sez. II, n. 13337/06 ), anche se la particolare gravità della sanzione prevista per la violazione della norma in esame, induce ad una certa prudenza nota2.

Note

nota1

Non sembra necessaria la presenza dei testimoni in un atto contenente una pura rinuncia abdicativa, senza altro effetto negoziale che non quello di dismettere la titolarità del diritto.
top1

nota2

Cfr. a tale proposito Boero, La legge notarile commentata, Torino, 1991, p. 272."Per la validità di una donazione indiretta è sufficiente l'osservanza delle prescrizioni di forma richieste per l'atto da cui essa risulta, in quanto l'art. 809 cod. civ. , mentre assoggetta le liberalità risultanti da atti diversi da quelli previsti dall'art. 769 cod. civ. alle stesse norme che regolano la revocazione delle donazioni, non richiama l'art. 782 cod. civ. , che prescrive l'atto pubblico per la donazione. "
top2

Bibliografia

  • BOERO, La legge notarile commentata, Milano, 1991

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Presenza dei testi per le donazioni
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Presenza dei testi per le donazioni"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto