Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Prescrizione della azione di impugnazione del testamento per incapacità



Nelle ipotesi di cui all'art. 591 cod.civ. (difetto della capacità di testare) il negozio testamentario può essere assoggettato ad impugnativa da chiunque vi abbia interesse nota1. L'azione relativa si prescrive entro cinque anni, a far tempo dal giorno in cui sia stata data esecuzione alle disposizioni testamentarie .

Come è evidente, il termine prescrizionale quinquennale è connotato, nella materia in esame, da un peculiare dies a quo : cioè quello del giorno dell'esecuzione della disposizione testamentaria nota2.

Ciò presuppone:
  1. l'apertura della successione;
  2. l'accettazione dell'eredità;
  3. un'ulteriore attività, intesa alla concreta realizzazione della volontà testamentaria (la consegna del bene all'erede etc.).

Note

nota1

La dottrina prevalente (Capozzi, Successioni e donazioni, Milano, 1983, p.498; Cicu, Testamento, Milano, 1969, p.113; Giannattasio, Delle successioni, in Comm. cod. civ., redatto a cura di magistrati e docenti, Torino, 1968, p.58; Tommasini, Annullabilità e annullamento (dir. priv.), in Enc. giur. Treccani, vol.I, 1988, p.8) configura questa ipotesi come annullabilità assoluta, poichè la legittimazione ad esperire l'azione non spetta a soggetti predeterminati, ma a chiunque vi abbia interesse. Questa eccezione viene spiegata considerando che nel testamento manca, a differenza dei contratti, una parte nel cui interesse l'annullabilità sia posta. Non si potrebbe poi parlare di nullità, perchè, in assenza di impugnazione, il testamento è perfettamente efficace.
top1

nota2

Cfr. Caramazza, Delle successioni testamentarie, in Comm. teorico-pratico al cod. civ., dir, da De Martino, Novara-Roma, 1982, p.77; Messineo, Annullabilità e annullamento (dir. priv.), in Enc. dir., vol.II, 1958, p.474. Non sarebbe perciò sufficiente nè l'apertura della successione, né la pubblicazione del testamento e neppure la semplice conoscenza in capo al testatore del vizio inficiante la validità del testamento. La decorrenza opererà dal giorno in cui è stato effettuato l'atto esecutivo, anche quando l'erede abbia dato esecuzione alle disposizioni testamentarie senza conoscere l'incapacità del de cuius.
top2

Bibliografia

  • CAPOZZI, Successioni e donazioni, Milano, 1983
  • CARAMAZZA, Delle successioni testamentarie, artt. 587-712, Roma, Comm. teor-prat. del c.c, dir. da De Martino, 1973
  • CICU, Testamento, Milano, 1951
  • GIANNATASIO, Delle successioni, Torino, Comm. cod. civ., 1968
  • MESSINEO, Annullabilità e annullamento, Enc.dir., II, 1958
  • TOMMASINI, Annullabilità e annullamento (dir.priv.), Enc. dir. Treccani, I, 1988


Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Prescrizione della azione di impugnazione del testamento per incapacità
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Prescrizione della azione di impugnazione del testamento per incapacità"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto