Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Prescrizione dell'azione di ingiustificato arricchimento




L'azione di ingiustificato arricchimento si prescrive nel termine ordinario di dieci anni di cui all'art. 2946 cod.civ..

La legge nulla dispone circa l'inizio della decorrenza del termine prescrizionale, questione che assume particolare importanza relativamente al caso in cui in giudizio sia fatta contemporaneamente valere la c.d. azione primaria. Si pensi al caso in cui chi intende far valere giudizialmente un determinato pregiudizio subìto non sappia se il giudice reputerà sussistenti i requisiti necessari per l'azione di risarcimento del danno e per l'effetto introduca, in via subordinata, nella denegata ipotesi del mancato accoglimento della prima, l'azione di ingiustificato arricchimento.

In proposito è stato rilevato che il dies a quo del termine prescrizionale decorre dal giorno in cui si verifica l'arricchimento ed il correlativo depauperamento e non dalla data del passaggio in giudicato della pronunzia che nega la possibilità di proporre l'azione primaria (Cass. Civ. Sez. III, 1863/97 ; Cass. Civ. Sez. III, 6685/88 ).nota1

Note

nota1

Conforme Messineo, Manuale di diritto civile e commerciale, vol. V, Milano, 1972, p. 522.
top1

 

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Prescrizione dell'azione di ingiustificato arricchimento
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Prescrizione dell'azione di ingiustificato arricchimento"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto