Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Pagamento al creditore incapace



Ai sensi dell'art. 1190 cod. civ. il pagamento effettuato al creditore incapace di riceverlo (sia in quanto si trovi in una condizione di incapacità naturale nota1, sia perché legalmente incapace) non risulta liberatorio per il debitore, a meno che costui non fornisca la prova che quanto ne ha formato oggetto sia stato rivolto a vantaggio dell' incapace nota2 .

La norma riguarda non solo l'incapace ma anche il suo rappresentante nota3 ed inversamente non trova applicazione qualora incapace sia una persona diversa dal creditore o dal suo rappresentante (Cass. Civ. Sez. I, 423/75 ). Quando il pagamento sia ambientato in un contesto contrattuale più ampio, nel quale cioè esso costituisca l'oggetto di una delle prestazioni, occorre fare attenzione al coordinamento della norma in esame con quella di cui all'art. 1443 cod. civ. , attinente allo stato di incapacità di uno dei contraenti al tempo della conclusione del contratto.

Note

nota1

Sostiene l'estensione di questo principio all'incapacità naturale la dottrina prevalente: Giorgianni, voce Pagamento (dir.civ.), in N.sso Dig.it., vol. XII, 1968, p. 328; Nicolò, voce Adempimento (dir.civ.), in Enc. dir., vol. I, 1958, p. 560; Rescigno, Incapacità naturale e adempimento, Napoli, 1950, p. 161. Contra Cannata , L'adempimento delle obbligazioni, in Tratt. dir. priv., dir. da Rescigno, vol. IX, Torino, 1984, p. 97; Bianca, Diritto civile, vol. IV, Milano, 1998, pp. 294 e 295. Quest'ultimo A. ritiene che l'estensione della regola all'incapacità naturale esporrebbe il debitore al rischio di eseguire un pagamento invalido in pendenza di una situazione spesso incontrollabile.
top1

nota2

Il Nicolò, L'adempimento dell'obbligo altrui, in Raccolta di scritti, vol. II, Milano, 1980, p. 1297, privilegia il significato economico di questo dato. Il Bianca, op. cit., p. 294, ne identifica la ratio nella "ragionevole utilizzazione della prestazione tenuto conto dell'interesse e dell'autonomia dell'incapace".
top2

nota3

Conformi, Cian-Trabucchi, Commentario breve al codice civile, Padova, 1984, p. 789.
top3

Bibliografia

  • CANNATA, L'adempimento delle obbligazioni, Torino, Tratt.Rescigno, IX, 1984
  • CIAN-TRABUCCHI, Padova, Comm. breve al cod.civ., 1994
  • GIORGIANNI, Pagamento, N.sso Dig. it., XII, 1968
  • NICOLO', Adempimento (dir.civ.), Enc.dir., I, 1958
  • NICOLO', L'adempimento dell'obbligo altrui, Milano, Raccolta di scritti, II, 1980
  • RESCIGNO, Incapacità naturale e adempimento, Napoli, 1950

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Pagamento al creditore incapace
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Pagamento al creditore incapace"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto