Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Operatività della revocazione del testamento per sopravvenienza di figli



L'operatività della revoca del testamento per sopravvenienza di figli richiede il concorso di due condizioni (art. 687 cod.civ. ). In primo luogo il testatore non deve avere (o deve ignorare di avere) uno o più figli al tempo in cui ebbe a confezionare l'atto di ultima volontà. Occorre inoltre che si palesi successivamente a detto momento l'esistenza o la sopravvenienza di un figlio o di un discendente legittimo.

In riferimento al primo tra i requisiti citati è sorto il problema di come intendere il modo di disporre della citata norma. E' possibile parlare di revocazione anche quando il testatore, che già avesse uno o più figli nel momento in cui viene redatto il testamento, venga successivamente ad averne di altri (o si sappia dell'esistenza di altri, prima ignorati)? Secondo un'opinione anche in dette ipotesi (in cui cioè il primo requisito a rigore mancherebbe) sarebbe praticabile un'interpretazione estensiva della disposizione nota1. Prevale tuttavia il contrario parere che si basa sia sul tenore letterale della stessa, sia sul suo carattere eccezionale nota2.

L'ultimo comma dell'art.687 cod.civ. infine prevede che, nell'ipotesi in cui i figli o discendenti non vengono alla successione nè si fa luogo a rappresentazione, la disposizione testamentaria ha il suo effetto nota3.

Note

nota1

Così Cicu, Testamento, Milano, 1969, p.160; Talamanca, Successioni testamentarie, in Comm.cod.civ., a cura di Scialoja-Branca, Bologna-Roma, 1965, p.218; Caramazza, Delle successioni testamentarie, in Comm. teorico pratico del cod.civ. dir. da De Martino, Novara-Roma, 1982, p.510, sulla base della considerazione che fondamento della norma andrebbe individuato nella volontà presunta del testatore, il quale, se avesse conosciuto l'esistenza di altri figli, avrebbe presumibilmente testato in modo diverso, contemplando anche i figli pretermessi perché a lui non noti.
top1

nota2

Gangi, La successione testamentaria nel vigente diritto italiano, vol.II, Milano, 1952, p.399;Brunelli e Zappulli, Successioni e donazioni, Milano, 1951, p.450;Azzariti-Martinez, Successioni per causa di morte e donazioni, Padova, 1979, p.614.
top2

nota3

Viene così infatti a mancare lo scopo per cui la revoca è stabilita, ovvero far pervenire i beni del testatore ai figli sopravvenuti (Gangi, cit., p.403; Cicu, cit., p.162).
top3

Bibliografia

  • BRUNELLI-ZAPPULLI, Successioni e donazioni, Milano, 1951
  • CARAMAZZA, Delle successioni testamentarie, artt. 587-712, Roma, Comm. teor-prat. del c.c, dir. da De Martino, 1973
  • CICU, Testamento, Milano, 1951
  • F.S. AZZARITI - MARTINEZ - G.AZZARITI, Successioni per causa di morte e donazioni, Padova, 1979
  • GANGI, La successione testamentaria nel vigente diritto italiano, Milano, 1952
  • TALAMANCA, Successioni testamentarie. Della revocazione delle disposizioni testamentarie. Delle sostituzioni. Degli esecutori testamentari, Bologna-Roma, Comm. Scialoja-Branca, 1965

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Operatività della revocazione del testamento per sopravvenienza di figli
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Operatività della revocazione del testamento per sopravvenienza di figli"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto