Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Obbligazioni negative: responsabilità per inadempimento



In tema di obbligazioni negative suole esser riferito il principio in base al quale il fatto della violazione dell'obbligo di non fare costituirebbe di per sé inadempimento (art. 1222 cod.civ.).

In realtà il discorso si pone come maggiormente articolato e pur sempre incentrato sul principio della responsabilità quantomeno per colpa, con la correlativa possibilità che l'obbligato provi che la violazione dell'obbligo negativo dipende da causa a lui medesimo non imputabile (Cass. Civ. Sez. I, 3724/91 ) nota1.

Quali esempi di figure giuridiche originanti obbligazioni negative di notevole importanza si possono rammentare il patto di prelazione e l'opzione, nelle quali il soggetto passivo è tenuto a non porre in essere con terzi una stipulazione dal contenuto incompatibile con gli obblighi che derivano da essi (Cass. Civ. Sez. II, 265/75 ; Cass. Civ. Sez. II, 1893/75 ).

Note

nota1

La dottrina prevalente (Coviello, L'impossibilità della prestazione e l'obbligazione negativa, in Giust.civ., vol.I, t.1,1952, p.685; Bianca, Dell'inadempimento delle obbligazioni, in Comm.cod.civ., a cura di Scialoja-Branca, Bologna-Roma, 1979, p.245; Miccio, Delle obbligazioni in generale, in Comm.cod.civ., vol. IV, Torino, 1982, p.321) afferma il pieno assoggettamento dell'obbligazione negativa al generale regime della responsabilità debitoria. Sarà così possibile, quando l'obbligazione si inquadri in un contratto a prestazioni corrispettive, sindacare circa la gravità dell'inadempimento ai fini della risoluzione (Rescigno, voce Obbligazioni, in Enc.dir., vol. XXIX, 1979, p.193). Ciò risulta comprovato dall'osservazione in base alla quale ben possono darsi casi concreti in cui si verifica l'impossibilità della prestazione di non fare: si pensi al debitore costretto a compiere l'atto vietato per un evento naturale o per un ordine alla cui forza imperativa egli non si possa sottrarre.
top1

Bibliografia

  • BIANCA, Dell’inadempimento delle obbligazioni, Bologna - Roma, Comm.cod.civ. a cura di Branca e Scialoja, 1979
  • COVIELLO, L'impossiblità della prestazione e l'obbligazione negativa, Giust.civ., I, 1952
  • MICCIO, Delle obbligazioni in generale, Torino, IV, 1982
  • RESCIGNO, Obbligazioni: nozioni generali, Enc. Dir, XXIX

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Obbligazioni negative: responsabilità per inadempimento
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Obbligazioni negative: responsabilità per inadempimento"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto