Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Obbligazioni di facere: responsabilità per inadempimento



Le obbligazioni che deducono una prestazione consistente in un facere (si pensi all'appalto, al contratto di prestazione d'opera professionale, alle cure di un medico, etc.) pongono all'interprete speciali difficoltà in ordine alla valutazione della condotta eventualmente inadempiente del debitore. Quest'ultimo talvolta provvede all'effettuazione della prestazione tramite ausiliari, in alcuni casi è tenuto a farlo personalmente. Si parla in questo senso di facere infungibile: si pensi alla prestazione di un cantante ovvero di un famoso chirurgo. Altre volte risulta invece indifferente la figura soggettiva di colui che provvederà materialmente a porre in essere la condotta adempiente: si ponga mente alla prestazione consistente nell'imbiancare un appartamento, la quale può essere effettuata indifferentemente da qualsiasi addetto dell'imprenditorenota1. In un certo senso assimilabile a quest'ultimo caso (anche se apparentemente molto diversa) è la prestazione facente capo all'istituto bancario in riferimento al rapporto di conto corrente. Cosa riferire dell'ipotesi in cui un cassiere paghi un assegno bancario recante la sottoscrizione del correntista contraffatta? E' stato deciso al riguardo che spetta al giudice di merito stabilire il grado di diligenza cui sia tenuto l'istituto, con riferimento non soltanto all'esame obiettivo del titolo operato dall'addetto, ma anche all'utilizzo di normali strumenti di verifica reperibili sul mercato (Cass. Civ., Sez. III, 6513/2014).

Si sovrappone a queste osservazioni la distinzione tra obbligazioni di mezzi ed obbligazioni di risultato. Le prime sarebbero contraddistinte dalla rilevanza in sé e per sé della condotta del debitore, le seconde tenderebbero invece ad assicurare l'ottenimento di un determinato risultato pratico, il cui mancato raggiungimento implicherebbe, ipso facto, inadempimento imputabilenota2 .

Note

nota1

Torrente-Schlesinger, Manuale di diritto privato, Milano, 1985, p.425.
top1

nota2

Mengoni, Obbligazioni di risultato ed obbligazioni di mezzi, in Riv.dir.comm., 1954, I, p.189.
top2

 

Bibliografia

  • MENGONI, Obbligazioni di risultato e obbligazioni di mezzi, Riv.dir.com., I, 1954

News collegate

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Obbligazioni di facere: responsabilità per inadempimento
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Obbligazioni di facere: responsabilità per inadempimento"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto