Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Obbligazioni del venditore



L'art. 1476 cod.civ. contiene un'elencazione delle obbligazioni, espressamente qualificate come principali, facenti capo al venditore. Si tratta dell' obbligazione di consegna di quanto venduto al compratore, di quella di fare acquistare a quest'ultimo la proprietà della cosa o il diritto, nelle ipotesi in cui l'acquisto non sia l'effetto immediato del contratto, infine dell' obbligazione di garantire l'acquirente in relazione ai vizi ed all'evizione.
Il successivo art.1477 cod.civ. costituisce una specificazione del numero 1 della norma che precede, precisando le modalità di consegna della cosa oggetto della vendita.
Accanto alle obbligazioni principali (ammesso che queste possano, come si dirà specificamente, essere propriamente qualificate come tali) possono in concreto sussisterne di ulteriori, di carattere accessorio. Tale, ad esempio, l'obbligo di corrispondere le spese annesse al contratto quando la legge eccezionalmente lo preveda nota1. Ancora nelle riferite obbligazioni rientra quella di fare consegna del certificato di abitabilità, che rientra tra le caratteristiche essenziali di un bene immobile, quale un'abitazione (Cass. Civ., Sez. II, 2438/2016).

Note

nota1

Il principio generale, stabilito come vedremo nell'art. 1475  cod.civ., è nel senso che le spese del contratto di vendita, comprese quelle fiscali, sono a carico del compratore se non è stato pattuito diversamente.La regola non può tuttavia considerarsi assoluta: ai sensi dell'art. 4 d.p.r. 643/72, infatti, l'Invim, ossia l'imposta sull'incremento di valore che si evidenziava in occasione della vendita di un immobile, era a carico del venditore, perchè costui era il soggetto avvantaggiato dall'incremento stesso. Questa norma, ormai non più vigente, aveva carattere perentorio, come risulta dall'art. 27 della stessa legge, il quale comminava la nullità di "qualsiasi patto diretto a trasferire ad altri l'onere dell'imposta" (cfr. Cass. Civ., Sez. II, 17576/11)
top1

Guide operative pratiche


News collegate

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Obbligazioni del venditore
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Obbligazioni del venditore"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto