Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Nullità ed inesistenza delle deliberazioni assembleari (società di capitali)




Il tema della nullità delle deliberazioni assembleari della società per azioni è stato profondamente visitato dalla riforma del 2003. Essa introdotto vaste innovazioni sul tema, venendo di fatto a creare un sistema di invalidità articolato sia in riferimento agli effetti che da essa sortiscono, sia in relazione all'oggetto della deliberazione. Da quest'ultimo punto di vista infatti è stata dettata una apposita disciplina per le deliberazioni di aumento e di riduzione del capitale sociale e di quelle con le quali si decida di emettere titoli obbligazionari.

Quanto agli effetti, è invece il caso di osservare come l'intento del legislatore di eliminare la categoria giurisprudenziale della deliberazione "inesistente" abbia in fatto prodotto un terzo genere di deliberazione viziata, contrassegnato da caratteri peculiari.

L'esame che segue parte proprio dalla non agevole nozione di deliberazione "inesistente" per focalizzarsi in seguito sul concetto di nullità, dell'eventuale recupero della deliberazione invalida, cercando infine di cogliere la differenza tra la sanatoria che la legge prevede per l'ipotesi della nullità e l'analogo rimedio disposto per il caso della mera annullabilità.

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Nullità ed inesistenza delle deliberazioni assembleari (società di capitali)
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Nullità ed inesistenza delle deliberazioni assembleari (società di capitali)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto