Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Nullità delle prassi gravemente inique in danno del creditore


L'art. 24, comma 3, lett. b) della legge 30 ottobre 2014, n. 161, ha introdotto l'art. 7 bis D. Lgs. 231/2002 intitolato "prassi inique". La norma si pone come rafforzamento della prescrizione dell'art.7 del D. Lgs. 231/2002 che prevede la nullità di alcune clausole volte a determinare una grave disparità nella posizione contrattuale dei contraenti nell'ambito delle contrattazioni commerciali.
Le prassi relative al termine di pagamento, al saggio degli interessi moratori o al risarcimento per i costi di recupero, quando risultano gravemente inique per il creditore, danno diritto al risarcimento del danno.
Il giudice accerta che una prassi è gravemente iniqua tenuto conto di quanto previsto dall'art. 7, comma 2.
Si considera gravemente iniqua la prassi che esclude l'applicazione di interessi di mora. Non è ammessa prova contraria.
Si presume che sia gravemente iniqua la prassi che esclude il risarcimento per i costi di recupero di cui all'art. 6.

News collegate

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Nullità delle prassi gravemente inique in danno del creditore
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Nullità delle prassi gravemente inique in danno del creditore"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto