Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Negozi plurilaterali: norme applicabili



Il codice civile prevede una specifica normativa in tema di contratti plurilaterali connotati dalla comunanza di scopo, quali i contratti associativi.

Si tratta dagli artt. 1420, 1444 , 1459, 1466 cod.civ. dettati rispettivamente in materia di nullità, di annullabilità, di risolubilità per inadempimento ovvero per impossibilità sopravvenuta.

Si faccia attenzione al difetto di qualsiasi previsione relativamente al caso della risoluzione per eccessiva onerosità sopravvenuta: questo aspetto viene giustificato non certo in base alla aleatorietà della causa dei contratti in esame (poichè, come è noto, il rimedio non si applica ex art. 1469 cod.civ.; ai contratti aleatori), bensì con la considerazione in base alla quale la sopravvenienza che rende più onerosa la posizione è normalmente tale per tutti i contraenti, venendo ad incidere su ciascuno di essi proprio con riferimento alla comunanza di scopo che essi perseguono nota1. Analoghe considerazioni possono essere reiterate con riferimento all'assenza di disciplina della rescissione, da interpretarsi appunto come irrilevanza del fenomeno.

Esiste inoltre un'ulteriore regola applicabile alla specie in esame, dettata in tema di perfezionamento del vincolo contrattuale. Si tratta dell'art. 1332 cod.civ., norma che assume in considerazione la formazione progressiva della fattispecie nell'ambito del fenomeno dell'adesione al contratto di parti ulteriori rispetto a quelle originarienota2 .

E' indispensabile ribadire che le disposizioni sopra citate sono dettate esclusivamente in tema di negozi plurilaterali in cui i contraenti perseguono un fine comune. Esse risultano pertanto inapplicabili a quelle ulteriori strutture negoziali che, pur essendo connotate da un numero di parti superiore a due, non sono tuttavia caratterizzate dalla comunanza di scopo  (si pensi alla divisione ed alla transazione con più di due parti, all'accollo trilatere, alla delegazione di pagamento passiva).

Note

nota1

nota1 Così anche Maiorca, voce Contratto plurilaterale, in Enc.giur.Treccani, p.26.
top1

nota2

Caratteristico aspetto dei contratti plurilaterali è l'essere tendenzialmente aperti alla adesione di altre parti: cfr.Cesaro, Contratto aperto e adesione del terzo, Napoli, 1979 e Gabrielli, Sui contratti necessariamente aperti, in Riv.dir.civ., 1982, I, p.557.
top2

Bibliografia

  • CESARO, Contratto aperto e adesione del terzo, Napoli, 1979
  • GABRIELLI, Sui contratti necessariamente aperti, Riv.dir.civ., I, 1982

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Negozi plurilaterali: norme applicabili
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Negozi plurilaterali: norme applicabili"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto