Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Natura giuridica della situazione conseguente alla dichiarazione di morte presunta



Si discute se in esito alla dichiarazione di morte presunta si faccia luogo a vera e propria successione a causa di morte:

a. secondo una teoria nota1 la sentenza dichiarativa della morte presunta produrrebbe effetti provvisori, non assimilabili a quelli della morte. In particolare essa attribuirebbe agli eredi solo la libera disponibilità dei beni sotto la condizione risolutiva dell'accertamento dell'esistenza in vita del presunto morto. Ne seguirebbe anche l'inapplicabilità del principio della responsabilità ultra vires propria della successione a causa di morte;

b. secondo l'opinione prevalente nota2 essa è invece vera e propria successione mortis causa , con la conseguenza che si applicano tutte le norme proprie in tema di capacità di succedere, di accettazione di eredità, di rinunzia, di beneficio di inventario, di responsabilità ultra vires (Cass. Civ. Sez. I, 536/81 ). La differenza rispetto alla vera a propria apertura della successione a causa di morte consiste nel mantenimento dell'inventario, funzionale alla tutela delle eventuali ragioni di chi, pur essendone stata dichiarata la morte presunta, si scopre esser in vita.

Note

nota1

Si confrontino, tra gli altri, Santoro Passarelli, Disciplina della scomparsa nel nuovo codice civile, in Riv. dir. civ., 1939, pp. 381 e ss.; Cariota-Ferrara, Assenza e successione per causa di morte, transazione sui beni dell'assente, patto successorio, in Studi giuridici in memoria di Vassalli, Torino, 1960, pp. 247 e ss..
top1

nota2

Si vedano p.es. Barillaro, Dichiarazione di morte presunta (Artt.58-71), in Comm. cod. civ., a cura di Scialoja-Branca, Bologna-Roma, 1970, p. 320; Callegari, voce Morte (dir. civ.), in N.mo Dig. it., p. 939; Grosso-Burdese, Le successioni. Parte generale, in Tratt.dir. civ. it., diretto da Vassalli, vol. XII, t.1, Torino, 1977, p. 59, per i quali nella morte presunta, rispetto alla morte naturale, varierebbero solo le modalità di accertamento della stessa.
top2

Bibliografia

  • BARILLARO, Della dichiarazione di morte presunta, Bologna - Roma, Comm.cod.civ. a cura di Scialoja e Branca, 1970
  • CALLEGARI, Morte (dir.civ.), N.sso Dig. it., IX, 1964
  • CARIOTA - FERRARA, Assenza e successione per causa di morte, transazione sui beni dell'assente, patto successorio, Torino, Studi giuridici in memoria di Vassalli, 1960
  • GROSSO-BURDESE, Le successioni. Parte generale, Torino, Tratt.dir.civ. it. diretto da Vassalli, XII - t.1, 1977
  • SANTORO PASSARELLI, Disciplina della scomparsa del nuovo codice civile, Riv.dir.civ., 1939

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Natura giuridica della situazione conseguente alla dichiarazione di morte presunta
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Natura giuridica della situazione conseguente alla dichiarazione di morte presunta"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto