Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Nascituri (successione ab intestato)



Sono successibili ex lege unicamente i nascituri concepiti al tempo dell'apertura della successione del de cuius (art. 462, I comma, cod.civ. ). La successione dei nascituri non concepiti è limitata infatti alla sola successione testamentaria, per i figli di persona determinata e vivente al tempo dell'apertura della successione (art. 462, III comma, cod.civ.).

In dottrina si è discusso sul concetto di "nascituro", ossia se questo debba essere inteso in senso naturalistico o giuridico nota1. In altre parole, ci si è domandati se anche i figli adottivi potessero o meno rientrare nel concetto di figlio futuro, sostituendo un parametro giuridico (quello dell'adozione) al criterio naturalistico della nascita posto dal legislatore a base della previsione dei nascituri tra i successibili ex lege. Risulta preferibile la dominante tesi restrittiva, confermata peraltro dalla stessa lettera della legge che fa menzione, come detto, di "concepiti", ponendo il principio per cui "salvo prova contraria, si presume concepito al tempo dell'apertura della successione chi è nato entro i trecento giorni dalla morte della persona della cui successione si tratta".

nota1

Note

nota1

Capozzi, Successioni e donazioni, Milano, 2002, p. 344.
top1

nota

Bibliografia

  • CAPOZZI, Successioni e donazioni, Milano, 2002

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Nascituri (successione ab intestato)
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Nascituri (successione ab intestato)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto