Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Mora '' ex re''



Vengono qualificate come produttive di mora automatica (ex re), la quale ha luogo per il solo fatto del ritardo, le tre ipotesi di cui al II comma dell'art. 1219 cod.civ. nota1. Si tratta dei seguenti casi:
  1. quando il debito derivi da fatto illecito (art. 2043 cod. civ. ).
  2. quando il debitore dichiara per iscritto di non volere adempiere l'obbligazione: qui, infatti, sarebbe manifestamente inutile la richiesta del creditore;
  3. quando l'obbligazione è a termine e la prestazione dev'essere eseguita al domicilio del creditore. In questa eventualità è la scadenza del termine che non giustifica il ritardo nell'adempimento (dies interpellat pro homine). Il numero 3 dell'art. 1219 cod.civ. prescrive comunque che, qualora il termine scada dopo la morte del debitore, gli eredi non sono costituiti in mora che mediante intimazione o richiesta fatta per iscritto, decorsi otto giorni dall' intimazione o dalla richiesta. Secondo l'opinione preferibile nota2, l'elencazione di cui alla norma in esame non sarebbe da ritenersi tassativa : si pensi al caso in cui le parti si accordino esonerando il creditore dall'onere della preventiva intimazione, ovvero predeterminando le caratteristiche dell'evento dal quale scaturiscano poi, automaticamente, le conseguenze proprie della mora.

Dubbio è invece se il ritardo intollerabile, a prescindere da ulteriori requisiti o qualificazioni, possa produrre mora in difetto di intimazione nota3.

Alle ipotesi di mora automatica previsti dal codice civile deve essere aggiunta l'ipotesi, invero di notevole rilevanza pratica ed applicativa, di cui all'art. 4 del D. Lgs. 231/02, attuativo della direttiva della Comunità europea 2000 n.35. La normativa (novellata per effetto dell'emanazione del D.Lgs. 9 novembre 2012, n. 192 in ottemperanza alla Direttiva 2011/7/UE), di cui meglio si dirà partitamente, ha predisposto una speciale normativa degli interessi moratori relativi ai pagamenti da effettuare nell'ambito delle "transazioni commerciali" tra soggetti imprenditori o tra imprese e pubbliche amministrazioni, prescrivendo l'automatica debenza degli interessi moratori.

Note

nota1

Bianca, Diritto civile, 1994, vol. V, Milano, p. 94 e Torrenet-Schlesinger, Manuale di diritto privato, Milano, 1985, p. 465.
top1

nota2

Benatti, La costituzione in mora del debitore, Milano, 1968, p. 174 e Giorgianni, L'inadempimento.Corso di diritto civile, Milano, 1975, p. 126.
top2

nota3

In particolare Bianca, Diritto civile, vol. I, Milano, 1994, p. 100, ritenendo che la norma sulla costituzione automatica non abbia carattere tassativo, ravvisa nell'ipotesi di ritardo intollerabile una forma di mora ex re.
top3

Bibliografia

  • BENATTI, La costituzione in mora del debitore, Milano, 1968
  • BIANCA, Diritto civile, Milano, V, 1994
  • GIORGIANNI, L’inadempimento: corso di diritto civile, Milano, 1975


News collegate

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Mora '' ex re''
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Mora '' ex re''"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto