Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Modalità di estinzione dell'obbligazione



Il rapporto obbligatorio è per propria natura tipicamente destinato all'estinzione in conseguenza della condotta adempiente del soggetto passivo. Con l'adempimento infatti, avendo il debitore eseguita la prestazione, viene raggiunto il soddisfacimento dell'interesse del creditore nota1 e l'obbligazione, che era funzionale a questo risultato, cessa di esistere.

Inversamente, l'inadempimento o la mora conducono ad un esito differente, dando vita ad un ulteriore rapporto obbligatorio avente ad oggetto il risarcimento del danno che viene a surrogare l'obbligazione rimasta definitivamente ineseguita o, parallelamente, al mantenimento del precedente vincolo (ogniqualvolta vi sia la possibilità di una tardiva esecuzione).

L'adempimento o pagamento non costituisce tuttavia l'unica modalità estintiva del vincolo obbligatorio. Il codice civile prevede, sotto il titolo "dei modi di estinzione delle obbligazioni diversi dall'adempimento" di cui alla rubrica del capo IV del titolo I del libro delle obbligazioni (art. 1230 cod. civ. e ss.) varie ipotesi. Si tratta dell'eventualità in cui le parti del rapporto sostituiscono all'originaria obbligazione una nuova per oggetto o per titolo (novazione); del caso in cui il soggetto attivo dichiara di rimettere il debito (remissione ); di quello in cui, sussistendo tra le parti reciproci debiti e crediti essi si estinguono per gli importi corrispondenti (compensazione); dell'ulteriore caso in cui le figure del debitore e del creditore vengono a coincidere (confusione) ed infine del sopraggiungere dell'impossibilità della prestazione da ricondursi eziologicamente ad una causa non imputabile al debitore.

Le vicende estintive del rapporto obbligatorio non si esauriscono nell'enunciazione di queste figure generali. Ve ne sono di ulteriori, speciali (si pensi all'adempimento del terzo, alla datio in solutum, al pagamento al creditore apparente, alla morte del debitore di un facere infungibile, alle patologie che conducano alla declaratoria di nullità del contratto dal quale scaturisce l'obbligazione, alla liberazione del debitore che può conseguire alla procedura afferente alla mora credendi ).

Gli interpreti tradizionalmente distinguono le modalità di estinzione dell'obbligazione in modi satisfattori (o satisfattivi) e modalità non satisfattorie. I primi determinerebbero il venir meno del vincolo obbligatorio in esito alla produzione di un risultato conforme all'interesse originario del creditore. Le seconde estinguerebbero il rapporto senza che venisse soddisfatto l'interesse del creditore nota2.

La distinzione non è priva di una sua portata pratica: soltanto alle prime modalità estintive risulterebbero applicabili analogicamente le norme dettate in tema di adempimento, nei limiti in cui possono ritenersi compatibili (si pensi alla surrogazione, all'imputazione di cui all'art. 1183 cod. civ. ). Il problema è quello dell'incerta connotazione (sotto il profilo enunciato) di alcune figure.

A fronte della sicura natura satisfattiva dell'adempimento, della compensazione e, inversamente, della altrettanto certa natura non satisfattiva della remissione e dell'impossibilità sopravvenuta della prestazione, che cosa riferire a proposito della novazione?

Poiché essa è comunque frutto di un accordo tra le parti, è del tutto discutibile che il risultato della medesima non sia tale da appagare l'interesse del creditore; è tuttavia sicuro che essa non sia corrispondente all'interesse originario di costui.

Note

nota1

Mette in evidenza l'interesse del creditore alla prestazione il Betti, Teoria generale delle obbligazioni, vol. I, Milano, 1953-1955, p. 9, quando indica nel bisogno dell'altrui cooperazione il fondamento del vincolo in cui si sostanzia l'obbligazione.
top1

nota2

In tal senso Bianca, Diritto civile, vol. IV, Milano, 1998, p. 439; Perlingieri, Dei modi di estinzione delle obbligazioni diversi dall'adempimento, in Comm. cod. civ., a cura di Scialoja e Branca, Bologna-Roma, 1975, pp. 2-4.
top2

Bibliografia

  • BESSONE, Adempimento e rischio contrattuale, Milano, 1975
  • BETTI, Teoria generale delle obbligazioni, Milano, vol. III, 2-IV, 1955
  • CATTANEO, La cooperazione del creditore all’adempimento, Milano, 1964
  • CHESSA, L’adempimento, Milano, 1996
  • COSENTINO, La compensazione nei suoi aspetti giuridici: con repertorio di giurisprudenza, Napoli, 1983
  • COZZI, Uso del contante e disciplina speciale dell’adempimento, Napoli, 1996
  • DI MAJO, L’adempimento dell’obbligazione, Bologna, 1993
  • FAVERO, Estinzione della obbligazione per confusione, Milano, 1964
  • GIOVENE, L’impossibilità della prestazione e la sopravvenienza, Padova, 1941
  • GRASSI, I vizi della cosa venduta nella dottrina dell’errore: il problema dell’inesatto adempimento, Napoli, 1996
  • MELILLO, In solutum dare: contenuto e dottrine negoziali nell’adempimento inesatto, Napoli
  • NAPPI, Contributo alla teoria della compensazione: per una rivisitazione dell’istituto in una prospettiva transnazionale, Torino, 1999
  • NICOLO’, L’adempimento dell’obbligo altrui, Napoli, 1978
  • OPPO, Adempimento e liberalità, Milano, 1979
  • PERLINGIERI, Dei modi di estinzione delle obbligazioni diversi dall’adempimento (Artt. 1230-1259), Bologna-Roma, Comm.cod.civ. a cura di Scialoja-Branca, 1975
  • PETRONE, La compensazione tra autotutela e autonomia, Milano, 1996
  • RESCIGNO, Incapacità naturale e adempimento, Napoli, 1982
  • ROMANO, Interessi del debitore e adempimento, Napoli, 1995
  • STELLA, Impossibilità della prestazione per fatto imputabile al creditore, Milano, 1995
  • TRIMARCHI, Svalutazione monetaria e ritardo nell’adempimento di obbligazioni pecuniarie, Milano, 1993
  • ZACCARIA, La prestazione in luogo dell’adempimento: fra novazione e negozio modificativo del rapporto, Milano, 1987

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Modalità di estinzione dell'obbligazione
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Modalità di estinzione dell'obbligazione"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto