Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Modalità di determinazione del compenso



Ordinariamente il contratto di spedizione possiede natura onerosa : sotto questo profilo è possibile non solo fare rinvio alla presunzione di cui all'art.1709 cod.civ. , bensì riferirsi direttamente al modo di disporre dell'art.1740 cod.civ. nota1.

La norma da ultimo citata stabilisce che la misura del compenso dovuto allo spedizioniere per l'esecuzione dell'incarico è  determinata secondo i patti e le tariffe professionali.  In difetto di tali tariffe entrano in gioco gli usi del luogo in cui avviene la spedizione nota2.

Lo spedizioniere ha ovviamente anche diritto ad essere rimborsato  delle spese anticipate ed al compenso relativo alle prestazioni accessorie da lui eseguite. Ai sensi del II° comma dell'art. 1740 cod.civ. la relativa determinazione deve essere effettuata sulla base dei documenti giustificativi, salvo diverso accordo delle parti inteso alla determinazione di una somma globale unitaria. Ciò accade specialmente quando lo spedizioniere assume la parallela qualifica di vettore (spedizioniere-vettore: ar.1741 cod.civ. ) nota3.

Si badi alla speciale tutela del credito derivante dall'esecuzione della spedizione. Da un lato esso è munito di privilegio speciale ex art. 2761 cod.civ.  insistente sulle cose che lo spedizioniere detiene in conseguenza dell'esecuzione del'incarico, dall'altro l'art.2756 cod.civ.  riconosce allo spedizioniere, relativamente ai beni predetti, anche il diritto di ritenzione.

Note

nota1

La retribuzione potrà essere determinata globalmente per il complesso dei servizi prestati ovvero in modo frazionario, senza peraltro incidere sull'unità del contratto: Asquini, voce Spedizione (contratto di), in N.sso Dig.it., vol.XVII, 1970, p.1100.
top1

nota2

Occorrerà riferirsi agli usi del luogo dove il contratto di trasporto è stato concluso e non del luogo di consegna delle cose al vettore: Minervini, Il mandato, la commissione, la spedizione, in Trattato di dir.civ.it., dir. da Vassalli, Torino, 1952, p.134; Mirabelli, Dei singoli contratti, in Comm.cod.civ., Libro IV, Torino, 1991, p.619.
top2

nota3

Bile, Il mandato, la commissione, la spedizione, Roma, 1961, p.306; Luminoso, Mandato, commissione e spedizione, in Trattato di dir.civ. e comm. dir. da Cicu e Messineo e continuato da Mengoni, Milano, 1984, p.637.
top3

Bibliografia

  • ASQUINI, Spedizione (contratto di), N.sso Dig.It., XVII, 1970
  • BILE, Il mandato, la commissione, la spedizione, Roma, 1961
  • LUMINOSO, Mandato, commissione, spedizione, Milano, Tratt. dir. civ. e comm. diretto da Cicu-Messineo, vol. XIII, 1984
  • MINERVINI, Il mandato, la commissione, la spedizione, Torino, Trattato Vassalli, 1954
  • MIRABELLI, Dei singoli contratti, Torino, Comm. cod. civ., vol. IV, 1968

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Modalità di determinazione del compenso
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Modalità di determinazione del compenso"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto