Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Lo stato di bisogno dell'alimentando



L'insorgenza dell'obbligazione alimentare ha quali specifici presupposti lo stato di bisogno del creditore (art. 438 cod. civ. ) nonché l'impossibilità da parte di costui di provvedere al proprio mantenimento.

Per quanto attiene allo stato di bisogno, non importa stabilire la causa di una tale situazione: è sufficiente che sussista effettivamente nota1. Una volta che si sia accertato che uno dei soggetti previsti dalla legge vi si trova, la persona che è legata dal particolare rapporto assunto in considerazione dall'ordinamento, è tenuta a prestare gli alimenti. Se anche l'alimentando si fosse venuto a trovare nella situazione predetta per propria colpa (es.: avendo compiuto rovinose operazioni economiche), le ragioni di solidarietà poste a fondamento dell'obbligazione alimentare permangono immutate nota2 .

Lo stato di bisogno non basta: in ogni caso il diritto agli alimenti è sottoposto anche all'ulteriore requisito dell'accertamento dell'impossibilità, da parte dell'alimentando, di provvedere al proprio mantenimento nota3 attivandosi personalmente per sovvenire alle proprie esigenze. Il credito alimentare è cioè condizionato all'obbligo del lavoro: non potrebbe il figlio maggiorenne, assolutamente in forze ed abile all'attività lavorativa, pur disponibile, cullarsi nell'ozio e pretendere dal padre l'erogazione degli alimenti. In particolare, il credito alimentare è condizionato alla prova, che deve essere fornita da colui che fa valere il diritto agli alimenti, dell'impossibilità di provvedere al proprio mantenimento (Cass. Civ. Sez. I, 1099/90 ). nota4

Occorre a tal proposito tuttavia precisare che, secondo l'interpretazione prevalente, l'avente diritto non è tenuto ad un lavoro non confacente alla sua posizione sociale (Cass. Civ. Sez. I, 1820/81 ) nota5.

Note

nota1

Barbero, Il sistema del diritto privato, Torino, 1993, p. 458.
top1

nota2

In tal senso Bianca, Diritto civile, vol. II, Milano, 1985, p. 359; Auletta, Alimenti e solidarietà familiare, Milano, 1984, p. 49. Secondo l'A. il diritto al mantenimento sussiste anche se lo stato di bisogno deriva dal dolo dell'alimentando.
top2

nota3

Vincenzi Amato, Degli alimenti, in Comm. cod. civ., vol. I, Torino, 1997, p. 781.
top3

nota4

Conforme Tedeschi, Alimenti, diritto civile, in N.sso Dig.it., vol. I, 1957, p. 499. Contra Provera, Degli alimenti, in Comm. cod. civ., a cura di Scialoja-Branca, Bologna-Roma, 1972, p. 80, e Tamburrino, Alimenti, in Enc. dir., vol. II, 1958, p. 24. Secondo i citati autori chi fa richiesta di alimenti dovrebbe provare anche la capacità economica della controparte.
top4

nota5

Bianca, Diritto civile, op. cit., p. 359.
top5

Bibliografia

  • AMATO, Degli alimenti, Torino, Comm.cod.civ., I, 1997
  • AULETTA, Alimenti e solidarietà familiare, Milano, 1984
  • BIANCA, Diritto civile, Milano, III, 1985
  • PROVERA, Degli alimenti, Bologna - Roma , Comm.cod.civ. a cura di Scialoja e Branca, 1972
  • TAMBURRINO, Alimenti (diritto civile), Enc.dir., II, 1958
  • TEDESCHI, Alimenti, diritto civile, N.sso Dig. it., I, 1957

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Lo stato di bisogno dell'alimentando
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Lo stato di bisogno dell'alimentando"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto