Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Liberazione del fidejussore per fatto del creditore



L'art. 1955 cod.civ. fa discendere l'estinzione della fidejussione dal fatto del creditore che, con la propria condotta, abbia determinato l'impraticabilità della surrogazione del fidejussore nei diritti, nel pegno, nelle ipoteche e nei privilegi del creditore (es. il credito è garantito da privilegio speciale ed il debitore distrugge il bene sul quale si appunterebbe la causa legittima di prelazione). La giurisprudenza ha chiarito che si deve trattare di una vera e propria condotta colpevolmente antigiuridica del creditore e non semplicemente dell'inerzia di costui (Cass.Civ.Sez. III 7603/97; Cass.Civ.Sez. III 3080/95; Cass.Civ. Sez. III 63/82)nota1. Non basterebbe, ai fini estintivi, il mancato assolvimento da parte del creditore di un semplice onere (Cass.Civ.Sez. III 4546/78) ovvero il mancato ricorso, pure possibile per il creditore, a strumenti di autotutela (Cass. Civ.Sez. I 595/77), quali ad esempio l'eccezione di inadempimento di cui all'art. 1460 cod.civ.; (Cass.Civ.Sez.III 13661/92)nota2.
Quid juris nell'ipotesi in cui la garanzia fosse ab origine inefficace? Si pensi al pegno costituito da assegni posdatati o in bianco. La S.C. ha avuto modo di decidere nel senso della inapplicabilità della norma in parola: in questo senso perde di ogni rilevanza la condotta del creditore che ha reso impossibile per il fidejussore la surrogazione, dal momento che è la garanzia ad essere radicalmente invalida (Cass. Civ., Sez. III, 26232/13).

Note

nota1

Si ritiene altresì necessario che dalla condotta del terzo derivi un pregiudizio giuridico e non meramente economico per il garante, concretantesi nella impossibilità assoluta e definitiva di surrogarsi al creditore nel rapporto col debitore principale: così Monticelli, Postergazione dell'ipoteca e garanzia del debito principale e liberazione del fideiussore ex art.1955 cod.civ., in Banca, borsa e titoli di credito, II, 1983, p.75.
top1

nota2

Secondo parte della dottrina (Bianca, Diritto civile, vol.V, Milano, 1997, p.500) la disposizione normativa, laddove fa riferimento ad un (semplice) fatto del creditore, dovrebbe portare ad includere in questa fattispecie, oltre alle condotte colpevolmente antigiuridiche, anche comportamenti leciti posti in essere dal creditore, quali la rinunzia alle garanzie ovvero la restituzione del pegno.
top2

Bibliografia

  • BIANCA, Diritto civile, Milano, V, 1997
  • MONTICELLI, Postergazione dell'ipoteca e garanzia del debito principale e liberazione del fideiussore ex art.1955 cod.civ., Banca, borsa e titoli di credito, II, 1983

News collegate

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Liberazione del fidejussore per fatto del creditore
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Liberazione del fidejussore per fatto del creditore"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto