Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Legittima difesa e stato di necessità (cause di giustificazione)



Legittima difesa e stato di necessità introducono le c.d. cause di giustificazione.

L'art. 2044 cod. civ. prevede che chi abbia cagionato un danno per legittima difesa di sè o di altri non è responsabile.

La condizione di fatto appellata legittima difesa, consiste dunque in un'eccezione al principio per il quale l'ordinamento vieta al privato di tutelarsi da sè, motivata dall'assoluta urgenza e dalla contestualità tra condotta lesiva e autodifesa o difesa altrui.

Evidentemente si richiede che la condotta lesiva che suscita la reazione sia illegittima. Possono valere in merito considerazioni che più propriamente appartengono alla scienza penalistica, le cui elaborazioni si ritengono valevoli anche in campo civile (Cass. Civ. Sez. III, 753/78 ) nota1.

Per quanto attiene allo stato di necessità, l'art. 2045 cod. civ. prescrive che, nell'ipotesi in cui taluno abbia prodotto un fatto dannoso, costrettovi dalla necessità di salvare sè o altri dal pericolo attuale di un danno grave alla persona, non essendo tale pericolo da lui volontariamente causato o altrimenti evitabile, al danneggiato è dovuta un'indennità nota2.

La differenza tra le due figure è notevole: nella legittima difesa la condotta lesiva viene esercitata nei confronti dell'offensore, nello stato di necessità essa riguarda un soggetto diverso. Il danno provocato non è comunque assimilabile a quello cagionato per effetto di un illecito: non casualmente si parla infatti di indennità da corrispondersi al danneggiato e non di risarcimento, tipicamente riconnesso alla produzione di un fatto illecito nota3.

L'art. 2045 cod. civ. è stato in giurisprudenza applicato analogicamente anche al caso della condizione di legittima difesa putativa .

Si noti che, come detto, la norma ha tuttavia carattere eccezionale.

Note

nota1

V. De Cupis, Dei fatti illeciti, in Comm. cod. civ., a cura di Scialoja-Branca, Bologna-Roma, 1971, p. 43.
top1

nota2

Si confrontino, tra gli altri, Troisi, Lo stato di necessità nel diritto civile, Napoli, 1988; Inzitari, Necessità (dir. priv.), in Enc. dir., vol. XXVIII, 1977, pp. 852 e ss..
top2

nota3

Così Bigliazzi Geri, Autotutela (dir. civ.), in Enc. giur. Treccani, 1988, p. 5.
top3

Bibliografia

  • BIGLIAZZI GERI, voce Autotutela, Enc.giur.Treccani
  • DE CUPIS, Dei fatti illeciti, Bologna - Roma, Comm.cod.civ. a cura di Scialoja e Branca, 1970
  • INZITARI, Necessità, Enc.dir., XXVIII, 1977
  • TROISI, Lo stato di necessità nel diritto civile, Napoli, 1988

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Legittima difesa e stato di necessità (cause di giustificazione)
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Legittima difesa e stato di necessità (cause di giustificazione)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto