Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Legge regionale del 1986 numero 13 art. 7


TERRENI UTILIZZABILI PER LA COLTURA AGRARIA
1. Non si procede alla ripartizione di cui all'art. 13 della Legge 16 giugno 1927, n. 1766, dei terreni indicati alla lettera b) dell'art. 11 della stessa Legge.
2. Dei terreni comunali medesimi il Comune potrà liberamente disporre e parimenti potranno disporre sentito il consiglio comunale le frazioni e le associazioni per i rispettivi beni, purché nel rispetto delle previsioni del piano regolatore generale senza che occorra una specifica autorizzazione regionale, salva l'adozione di decreto, ai sensi dell'art. 1 della Legge Regionale 24 maggio 1985, n. 52, avente valore di atto di ricognizione.
3. Il Presidente della Giunta Regionale, o l'Assessore competente per materia, se delegato, su richiesta del Comune e sentito previamente il consiglio comunale, della frazione o dell'associazione interessata, può esentare i capitali e le altre somme di denaro di cui all'art. 24 della Legge 16 giugno 1927, n. 1766, dal vincolo previsto dallo stesso articolo.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Legge regionale del 1986 numero 13 art. 7"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto