Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Legge del 1998 numero 12 art. 5Accordo


Nazionalizzazione o esproprio.
Gli investimenti degli investitori di ciascuna delle due Parti Contraenti non dovranno essere, nazionalizzati, espropriati o soggetti a misure aventi un effetto analogo nel territorio dell'altra Parte Contraente, fatta eccezione per le misure non discriminatorie di applicazione generale che i Governi normalmente adottano al fine di regolamentare l'attività economica nei loro territori o a fini pubblici in conformità con le leggi di quella Parte su base non discriminatoria, disposti dalle Autorità competenti e contro rapido, pieno ed effettivo risarcimento corrisposto senza indebito ritardo che dovrà essere liberamente trasferibile ed in valuta convertibile.
Il giusto risarcimento dovrà essere equivalente al reale valore di mercato dell'investimento immediatamente prima del momento in cui la decisione di nazionalizzazione o di esproprio sia stata annunciata o resa pubblica. Qualora detto valore non possa essere prontamente accertato, il risarcimento dovrà essere determinato in conformità ai criteri generali di valutazione universalmente riconosciuti quali il capitale investito, l'ammortamento, il capitale già rimpatriato, il valore sostitutivo ed altri fattori rilevanti.
L'investitore colpito da nazionalizzazione o esproprio avrà diritto, in conformità con la legge della Parte Contraente che adotta tale misura, ad una sollecita revisione, da parte delle competenti Autorità giudiziarie o di altre Autorità indipendenti di quella Parte Contraente, del suo caso o della valutazione del suo investimento in conformità ai principi di cui al presente paragrafo. La Parte Contraente che effettua l'esproprio dovrà adoperarsi al fine di assicurare che detta revisione venga effettuata sollecitamente.
Qualora una Parte Contraente espropri i beni di una società associata o costituita ai sensi della legge in vigore in ogni Parte del suo territorio e di cui gli investitori dell'altra Parte Contraente possiedano azioni, dovrà assicurare che le disposizioni del paragrafo 1 del presente Articolo siano applicate in modo tale da garantire agli investitori dell'altra Parte Contraente che possiedono quelle azioni, un pronto, adeguato ed effettivo risarcimento in relazione ai loro investimenti.
Il risarcimento dovrà comprendere l'interesse calcolato sulla base di un tasso LIBOR a sei mesi, maturato dalla data di nazionalizzazione o di esproprio alla data del pagamento.
Le disposizioni del paragrafo 1 del presente Articolo dovranno altresì applicarsi ai redditi da investimento e, in caso di liquidazione, ai proventi da essa derivanti.
All'investitore di una Parte Contraente, che opera sul territorio dell'altra Parte Contraente, non dovrà essere concesso alcun diritto in materia di riacquisizione di un bene espropriato che non sia concesso all'investitore dell'altra Parte Contraente nelle stesse circostanze.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Legge del 1998 numero 12 art. 5Accordo"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto