Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Legge del 1997 numero 266 art. 12


Rifinanziamento di incentivi al sistema produttivo
Per la concessione delle agevolazioni di cui alla legge 28 novembre 1965, n. 1329, e successive modificazioni, il fondo di cui all' articolo 3 della legge 28 maggio 1973, n. 295, è incrementato di una somma pari a lire 75 miliardi annui per dieci anni, a decorrere dal 1998, anche in applicazione delle disposizioni di cui all' articolo 2, comma 34, della legge 23 dicembre 1996, n. 662 .
Per la concessione delle agevolazioni di cui alla legge 24 maggio 1977, n. 227, e successive modificazioni, il fondo di cui all' articolo 3 della legge 28 maggio 1973, n. 295, è incrementato di una somma pari a lire 100 miliardi annui per dieci anni, a decorrere dal 1997, anche in applicazione delle disposizioni di cui all' articolo 2, comma 34, della legge 23 dicembre 1996, n. 662 .
Il fondo per il concorso nel pagamento degli interessi sulle operazioni di credito a favore delle imprese artigiane di cui all' articolo 37 della legge 25 luglio 1952, n. 949, e successive modificazioni e integrazioni, è incrementato di lire 75 miliardi annui per dieci anni, a decorrere dal 1998, anche in applicazione delle disposizioni di cui all' articolo 2, comma 34, della legge 23 dicembre 1996, n. 662 ,che si applicano anche alla Artigiancassa S.p.A., per le necessità di cui al predetto fondo.
Il decreto di cui all' articolo 2, comma 30, della legge 23 dicembre 1996, n. 662 ,è emanato dal ministro del Tesoro, di concerto con il ministro del Commercio con l' estero, in riferimento alle agevolazioni di cui al comma 2 del presente articolo, e di concerto con il ministro dell' Industria, del commercio e dell' artigianato, in riferimento alle agevolazioni di cui ai commi 1 e 3 del presente articolo.
Agli oneri derivanti dall' attuazione dei commi 1, 2 e 3, pari a lire 100 miliardi per l' anno 1997 e a lire 250 miliardi per ciascuno degli anni 1998 e 1999, si provvede mediante corrispondente riduzione dello stanziamento iscritto, ai fini del bilancio triennale 1997-1999, al capitolo 9001 dello stato di previsione del ministero del Tesoro per l' anno 1997, allo scopo utilizzando, quanto a lire 100 miliardi per ciascuno degli anni dal 1997 al 1999, l' accantonamento relativo al ministero del Commercio con l' estero e, quanto a lire 150 miliardi per ciascuno degli anni 1998 e 1999, l' accantonamento relativo al ministero del Tesoro.
Gli enti gestori dei fondi di cui ai commi 1, 2 e 3 sono autorizzati a utilizzare le relative risorse anche nel corso del triennio 1997-1999.
Il fondo di cui al comma 3 è incrementato di lire 20 miliardi per il 1997. Al relativo onere si provvede mediante corrispondente riduzione dello stanziamento iscritto al capitolo 6856 dello stato di previsione del ministero del Tesoro per l' anno 1997, all' uopo parzialmente utilizzando l' accantonamento relativo al ministero del Tesoro.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Legge del 1997 numero 266 art. 12"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto