Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Legge del 1975 numero 151 art. 71


L'art. 192 del codice civile è sostituito dal seguente:
<tenuto a rimborsare alla comunione le somme prelevate dal patrimonio
comune per fini diversi dall'adempimento delle obbligazioni previste
dall'art. 186.
é tenuto altresì a rimborsare il valore dei beni di cui all'art.
189, a meno che, trattandosi di atto di straordinaria amministrazione
da lui compiuto, dimostri che l'atto stesso sia stato vantaggioso per
la comunione o abbia soddisfatto una necessità della famiglia.
Ciascuno dei coniugi può richiedere la restituzione delle somme
prelevate dal patrimonio personale ed impiegate in spese ed
investimenti del patrimonio comune.
I rimborsi e le restituzioni si effettuano al momento dello
scioglimento della comunione; tuttavia il giudice può autorizzarli in
un momento anteriore se l'interesse della famiglia lo esige o lo
consente.
Il coniuge che risulta creditore può chiedere di prelevare beni
comuni sino a concorrenza del proprio credito. In caso di dissenso si
applica il quarto comma. I prelievi si effettuano sul denaro, quindi
sui mobili e infine sugli immobili>>.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Legge del 1975 numero 151 art. 71"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto