Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Legato ex lege in favore del convivente di fatto superstite



Il comma 42 dell'art. 1 della legge 76/2016 prevede in favore del convivente di fatto un diritto temporaneo, variabile e risolubile a certe condizioni, di abitare nella casa di comune residenza nell'ipotesi in cui sia venuto meno l'altro partner.
Prescrive infatti la citata norma che, salvo quanto previsto dall'articolo 337 sexies del codice civile, in caso di morte del proprietario della casa di comune residenza il convivente di fatto superstite ha diritto di continuare ad abitare nella stessa per due anni o per un periodo pari alla convivenza se superiore a due anni e comunque non oltre i cinque anni.
Ove nella stessa coabitino figli minori o figli disabili del convivente superstite, il medesimo ha diritto di continuare ad abitare nella casa di comune residenza per un periodo non inferiore a tre anni.

Il diritto peraltro è subordinato ad un doppio requisito: cioè al fatto concreto della permanenza presso l'abitazione dell'avente diritto e alla mancanza di instaurazione di un altro vincolo, ancorchè parimenti "di fatto". Infatti ai sensi del comma 43 dell'art.1 citato "il diritto di cui al comma 42 viene meno nel caso in cui il convivente superstite cessi di abitare stabilmente nella casa di comune residenza o in caso di matrimonio, di unione civile o di nuova convivenza di fatto."

Ci si può ben interrogare sulla eterea consistenza del diritto in parola. Se esso può ben dirsi scaturente da un legato ex lege, la sua natura giuridica è discutibile. Si potrebbe pensare ad un diritto di abitazione, ma la tendenziale precarietà (la durata massima essendo comunque contenuta in cinque anni a far tempo dalla morte dell'altro convivente), il fatto che possa venir meno non soltanto per effetto dell'allontanamento dell'avente diritto dalla casa, ma anche a causa dell'instaurazione di un ulteriore vincolo, ancorchè di fatto (il cui accertamento sarà prevedibilmente difficoltoso proprio da parte dei soggetti che potrebbero avere un interesse all'estinzione del diritto), la mancanza di riferimento alle "esigenze della famiglia" che contrassegna il diritto reale di abitazione rende meggiormente plausibile una costruzione in chiave di diritto riconducibile al novero dei rapporti obbligatori.

News collegate

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Legato ex lege in favore del convivente di fatto superstite
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Legato ex lege in favore del convivente di fatto superstite"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto