Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Le forme di fusione secondo la teoria aziendalistica



Da un punto di vista economico aziendale, le operazioni di fusione si possono distinguere in:

  1. fusioni orizzontali, in cui l'operazione di fusione è posta in essere da due o più società che operano nello stesso settore, ovvero svolgono attività assimilabili: con tale tipo di fusione, le società partecipanti tendono a rafforzare la loro posizione sul mercato, sfruttando le cosiddette "economie di scala";


  1. fusioni verticali, in cui l'operazione di fusione è posta in essere da due o più società che operano in fasi diverse del medesimo ciclo produttivo: con le fusioni c.d. "verticali", le società tendono ad incrementare la qualità del proprio prodotto, operando un controllo dalla fase produttiva alla fase distributiva;


  1. fusioni conglomerali, in cui i soggetti operanti la fusione operano in settori del tutto diversi e non connesse, ovvero svolgono attività non assimilabili: con tale tipo di fusione, le società tendono ad espandere il proprio ambito di operatività, diversificando la propria attività.



Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Le forme di fusione secondo la teoria aziendalistica
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Le forme di fusione secondo la teoria aziendalistica"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto