Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Le fattispecie di responsabilità di cui agli artt. 2051 e 2050 cod. civ




Quanto ai rapporti tra l'art. 2051 e l'art. 2050 cod. civ., si può dire che la prima delle norme citate deve essere applicata tutte le volte in cui il danno sia stato provocato da cose, pericolose o meno, che non siano state azionate direttamente dall'uomo. L'art. 2050 cod. civ. è invece invocabile nei casi in cui la res costituisca un elemento strumentale necessario dell'esercizio organizzato di una qualsiasi attività pericolosa.

La giurisprudenza ammette la possibilità di cumulare le azioni ex artt. 2050 e 2051 cod. civ. nei confronti del medesimo soggetto, come si è reputato, ad esempio, nell'ipotesi di danni cagionati dallo scoppio di bombole a gas. La consegna della bombola all'utente, infatti, non fa cessare la pericolosità dell'attività di riempimento ed installazione delle bombole. Tuttavia, poiché l'area di fattispecie coperta dagli artt. 2050 e 2051 cod. civ. non coincide pienamente, quando non sia fornita la prova della causa dello scoppio (e, quindi, del soggetto responsabile) si deve ritenere che operino cumulativamente le presunzioni di responsabilità poste dalle due norme in considerazione.

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Le fattispecie di responsabilità di cui agli artt. 2051 e 2050 cod. civ
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Le fattispecie di responsabilità di cui agli artt. 2051 e 2050 cod. civ"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto