Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Le condizioni economiche dell'alimentante



L'art. 438 cod. civ. prevede che debbano essere valutate anche le condizioni economiche del soggetto obbligato agli alimenti. Ciò non soltanto ai fini della determinazione della misura di essi, bensì addirittura allo scopo di stabilire se chi li dovrebbe erogare è in grado di farlo. Il parametro in oggetto non ha ovviamente alcun valore per quanto attiene all'obbligazione facente capo al donatario ex art. 438 cod. civ. .

Esistono casi dubbi. Si disputa, ad esempio, se pur dovendosi tener conto di ogni specie di rendita dell'obbligato, sia tenuto a corrispondere gli alimenti colui che risulti da un lato dotato di redditi assai scarsi, appena sufficienti a provvedere alle proprie esigenze di vita, dall'altro comunque titolare di cespiti teoricamente fruttiferi nota1 , ma in concreto non redditizi (si pensi a colui che, vivendo con una modesta pensione, sia proprietario di un fabbricato composto da più appartamenti in pessimo stato di manutenzione, locato a canoni irrisori proprio in base alle condizioni dell'immobile, peraltro gravato da imposte che assorbono anche queste modiche rendite).

Dubbia è anche l'individuazione del soggetto gravato dell'onere della prova concernente il fatto della sufficienza dei redditi: se cioè tocchi a chi richiede gli alimenti provare che l'obbligato ne abbia abbastanza per poter provvedere nota2 ovvero se spetti a costui di dar conto del contrario. Prevale quest'ultima tesi, sulla scorta che il relativo fatto risulta posto alla base del diritto fatto valere dall'alimentando nota3 .

Note

nota1

In questo senso Provera Degli alimenti, in Comm. cod. civ. a cura di Scialoja-Branca, Bologna-Roma, 1972, p. 80. Contra, Auletta, Alimenti e solidarietà familiare, Milano, 1984, p. 68. Secondo l'A. la capacità economica va valutata esclusivamente in base al reddito, per evitare di intaccare i beni capitali.
top1

nota2

Auletta, Alimenti e solidarietà familiare, op. cit., p. 89, Provera, Degli alimenti, op. cit., p. 80.
top2

nota3

Tedeschi, voce Alimenti, diritto civile, in N.sso Dig.it., vol. I, 1957, p. 499.
top3

Bibliografia

  • AULETTA, Alimenti e solidarietà familiare, Milano, 1984
  • PROVERA, Degli alimenti, Bologna - Roma , Comm.cod.civ. a cura di Scialoja e Branca, 1972
  • TEDESCHI, Alimenti, diritto civile, N.sso Dig. it., I, 1957

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Le condizioni economiche dell'alimentante
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Le condizioni economiche dell'alimentante"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto