Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Le acque pluviali



Le acque pluviali sono esenti dalla disciplina pubblicistica, in quanto raccolte in invasi e cisterne al servizio di fondi agricoli o di singoli edifici. Il IV comma dell'art. 28 della Legge 36/94 (c.d. "legge Galli", abrogata dal "codice dell'ambiente" di cui al D.Lgs. 3 aprile 2006, n.152 ) inoltre disponeva che in tali casi non fossero necessarie licenza o concessione edilizia, mentre pareva che l'acqua piovana non raccolta in invasi e cisterne dal combinato disposto degli artt. 1, I comma e 28, III e IV comma , dovesse essere considerata alla stregua delle altre acque pubbliche nota1. L'art.17 del R.D. 11 dicembre 1933, n.1775 come modificato dall'art. 96 del predetto D.Lgs. 152/06 sembra ribadire questi principi.

Note

nota1

Cfr. Masini, La "decadenza" della proprietà privata delle acque con particolare riguardo agli usi irrigui, in Dir. giur. agraria, 1995, p.672.
top1

Bibliografia

  • MASINI, La "decadenza della proprietà privata delle acque con particolare riguardo agli usi irrigui, Dir. giur. agraria, 1995

News collegate

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Le acque pluviali
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Le acque pluviali"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto