Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

La responsabilità del notaio



La responsabilità del notaio per l'esercizio delle sue funzioni si situa nell'area della responsabilità contrattuale nota1. Si pensi, ad esempio, alla preparazione ed alla stesura di un atto pubblico di trasferimento immobiliare, attività di tipica competenza notarile. In questo senso, quale professionista incaricato dal cliente di svolgere un determinato incarico professionale (inquadrabile nel contratto di mandato), il notaio risponde, ai sensi dell'art. 1228 cod.civ., anche dell'operato dei propri ausiliari (siano essi dipendenti o collaboratori dello studio ovvero altri colleghi: cfr. Cass. Civ. Sez. III, 20825/09).
Ma di cosa risponde il notaio? Anzitutto va detto che il notaio deve leggere l'atto alle parti le quali, a sua richiesta, gli comunicano se lo stesso sia o meno conforme alla loro volontà. Cosa dire dell'eventualità in cui le parti si rendano conto, magari anche una volta trascorso non poco tempo rispetto alla stipula dell'atto, che lo stesso non rispecchia del tutto gli intenti delle stesse? Al riguardo è stato deciso che non sia possibile validamente contestare le risultanze dell'atto pubblico che sia stato debitamente letto alle parti che lo abbiano sottoscritto (Cass. Civ., Sez. III, 5535/12).
Varie sono inoltre le situazioni che devono essere vagliate dal notaio. La preventiva verifica dell'esistenza dei poteri rappresentativi (Cass. Civ. Sez. I, 24939/07), della capacità delle parti (che non devono essere incapaci di agire, dichiarate fallite, etc. (cfr.Cass. Civ., Sez. III, 26908/2014) della libertà e disponibilità del bene e, più in generale, delle risultanze dei registri immobiliari attraverso la loro visura (e non soltanto: si pensi all'esistenza di usi civici: cfr.Tribunale di Avezzano, 30 aprile 2015), nonché l'informativa al cliente sul suo esito e, nell'ipotesi di constatazione di presenza di iscrizioni pregiudizievoli, la dissuasione del cliente dalla stipula dell'atto, costituiscono, salva l'espressa dispensa degli interessati dalla suddetta verifica, obblighi derivanti dall'incarico conferitogli dal cliente (cfr. Appello di Roma, 19 febbraio 2013). Essi quindi fanno parte dell'oggetto della prestazione d'opera professionale. Neppure è possibile, ai fini di far venir meno la responsabilità, l'arretrato da parte dei pubblici uffici nell'esecuzione delle formalità pubblicitarie, quando esistano comunque strumenti atti a superare tali ritardi (si pensi alla consultazione del c.d. "modello 60" ai tempi in cui la Conservatoria dei RRII non era completamente informatizzata: Cass. Civ., Sez. III, 22398/11). Il risarcimento rinviene comunque un limite in un ragionamento ipotetico: ci si deve infatti domandare quale sarebbe stata la situazione economica del cliente qualora il professionista avesse tenuto una condotta scrupolosamente adempiente (Cass. Civ., Sez. III, 18244/2014).
Invero, pur essendo il notaio tenuto, quale professionista, ad una prestazione qualificabile come di mezzi e non di risultato, l'opera di cui è richiesto non si riduce al mero compito di accertamento della volontà delle parti e di direzione della compilazione dell'atto, ma si estende a quelle attività preparatorie e successive, necessarie perché sia assicurata la serietà e certezza dell'atto giuridico da rogarsi ed in particolare la sua attitudine ad assicurare il conseguimento dello scopo tipico di esso e del risultato pratico voluto dalle parti dell'atto. Ne consegue che l'inosservanza di detti obblighi (si pensi al dovere di avvisare il cliente del rischio connesso alla mancata esecuzione delle visure per il tramite delle risultanze del registro generale: cfr. Cass. Civ. Sez. II, 1330/04, oppure addirittura all'omissione dei detti accertamenti quando sia stato conferito espresso formale incarico in tal senso: cfr. Cass. Civ. Sez. III, 7996/05 ) dà luogo a responsabilità contrattuale per inadempimento del contratto di prestazione d'opera professionale, a nulla rilevando che la legge professionale non faccia riferimento a tale responsabilità, posto che essa si fonda sul contratto di prestazione d'opera professionale e sulle norme che disciplinano tale rapporto privatistico nota2. Per converso è stato negato rientrare nell'ambito della detta prestazione l'accertamento della solvibilità del compratore nel caso di pagamento dilazionato ovvero il fatto di dover consigliare alla parte l'effettuazione di specifici accertamenti (quali ad esempio l'inesistenza di vizi, etc.): si veda Cass. Civ. Sez. II, 7707/07. Neppure sarebbe responsabile il notaio per il sol fatto di aver omesso la riconsegna della procura al mandatario in rem propriam sulla base dell'affermazione di costui di aver subito un danno per la semplice mancata alienazione di un immobile, occorrendo la prova della successiva devalutazione del bene (Cass. Civ. Sez. III, 24682/09). Il notaio ovviamente risponde anche in relazione alla mancata esecuzione delle formalità pubblicitarie intese a conferire opponibilità ai contratti ed alle pattuizioni perfezionate per il tramite del suo ministero (cfr., in tema di costituzione di fondo patrimoniale, Cass. Civ., Sez. III, 20995/12). Si veda tuttavia, in tema di trascrizione del testamento contenente institutio ex re certa relativamente a beni immobili, Cass. Civ., Sez. II, 4485/2014, secondo la quale la parte richiedente può esonerare il notaio dall'esecuzione della formalità senza che quest'ultimo incomba in addebiti disciplinari.

Particolarmente delicato è il profilo di responsabilità che incombe sul notaio in relazione alla stipula di atti che vengano a realizzare o a concorrere alla realizzazione del reato di lottizzazione abusiva di terreni di cui al I comma dell'art. 30 del T.U. (nonché dall'abrogato art. 20 lett. c) della Legge 47/85) .
E' stata reputata la responsabilità disciplinare del professionista ai sensi dell'art. 28 l.n. quand'anche l'ordinanza del sindaco che, sulla scorta della abusività della lottizzazione, aveva sospeso l'esecuzione delle opere edilizie in corso, sia stata successivamente dichiarata illegittima. Infatti la valutazione del professionista deve basarsi sulla situazione ex ante, essendo preciso obbligo di costui di evitare situazioni pregiudizievoli per le parti (Cass. Civ., Sez.II, 9486/2015).

Ancora il notaio risponde delle conseguenze relative alla mancata cancellazione delle formalità pregiudizievoli, quali l'ipoteca insistente sull'immobile (anche se non va automaticamente risarcito anche il danno conseguente al lucro cessante connesso alla impossibilità di realizzare un guadagno rivendendo l'immobile: cfr. Cass. Civ., Sez. III, 19493/13). Peggio ancora sarebbe se il notaio non facesse avvertenza o addirittura favorisse l'iscrizione di un'ipoteca in capo a chi, volendo vendere un immobile, si fosse prestato a fiungere da garante, terzo datore di ipoteca, nell'ipotesi in cui non avesse poi luogo la vendita progettata (Cass. Civ., Sez. III, 5481/2015). Particolarmente importante è curare le formalità di cancellazione del pignoramento, dal momento che non risulta sufficiente assicurarsi che il credito azionato sia stato integralmente rimborsato, essendovi sempre la possibilità che un creditore rimasto occulto intervenga nella procedura prima dell'intervenuta integrale estinzione della stessa (cfr. Cass. Civ., Sez. III, 6451/2015).
In materia societaria al notaio compete il controllo sull'oggetto sociale alla stregua delle norme dell'ordinamento. Così è stata disposta una sanzione disciplinare per il notaio che abbia stipulato l'atto costitutivo di una società che non aveva i requisiti per lo svolgimento di attività finanziarie ex art. 106 del T.U. 385/96 nei confronti del pubblico, pur annoverate nella parte descrittiva dell'oggetto sociale (Cass. Civ., Sez.II, 2220/13). Ancora è stato reputato passibile di sanzione disciplinare il notaio che aveva ricevuto una pluralità di atti costitutivi di srl il ove a garanzia del capitale iniziale erano state prestate fidejussioni di società finanziarie e non bancarie (Cass. Civ., Sez. II, 11664/2015).
Il notaio è parimenti responsabile del controllo di legalità delle singole clausole che compongono lo statuto, dovendo controllare che ciascuna di esse risponda alla legge (cfr. Cass. Civ., Sez. III, 15892/11 in tema di clausola compromissoria). L'ambito del diritto successorio è specialmente delicato. Si pensi alla complessità di procedimenti come quello di accettazione d'eredità con beneficio d'inventario. Il mancato rispetto dei rigorosi termini previsti dalla legge per ciascuna fase può ben comportare danni anche notevoli (si pensi al chiamato che per cautela abbia inteso proteggersi da passività ereditarie che poi finiscano per colpirlo a causa del mancato rispetto delle regole proprie della procedura). Ovviamente occorre che anche il cliente, per così dire, "faccia la sua parte": così se costui abbia omesso di produrre documenti necessari a dare impulso al procedimento pur essendo stato più volte sollecitato dal notaio, costui non è responsabile degli eventuali pregiudizi che ne siano scaturiti (Cass. Civ., Sez.II, 3137/13).

Per quanto attiene alla autenticazione di scritture private deve anzitutto chiarirsi come il notaio non possa certo esaurire la propria funzione nell'accertamento dell'identità personale di chi sottoscrive. Il suo compito si spinge non soltanto alla verifica della legalità del contenuto delle stesse, ma anche della rispondenza delle pattuizioni contenute alla volontà delle parti (Cass. Civ., Sez. II, 19350/2014). Sul tema dello svolgimento delle ispezioni preliminari intese ad accertare la libertà del bene da pesi e vincoli, si veda Cass.Civ. Sez.II, 23934/04 nonchè Cass.Civ. Sez.II, 19673/05 imperniate sull'aspetto della necessità, ai fini della responsabilità per omessa esecuzione delle visure, del conferimento di un esplicito incarico in tal senso. Questo orientamento è stato tuttavia successivamente ribaltato. Al riguardo si veda Cass.Civ. Sez.III, 13015/06 che è parsa porre il principio della naturale ricomprensione degli accertamenti ipocatastali nell'incarico di predisporre l'atto di vendita, ancorchè per scrittura privata meramente autenticata nelle sottoscrizioni. Tale principio è stato ribadito da Cass. Civ., Sez. III, 2071/13.
Ciò non toglie che le parti possano concordemente (cfr. Cass. Civ., Sez. III, 14865/13 in tema di eventuale richiesta di danni da parte di chi non avesse preso parte all'accordo di esonero) rinunciare al compimento di tale attività preliminare, espressamente esonerando il notaio dal darvi esecuzione (ad esempio per l'urgenza: cfr. Cass. Civ. Sez. II, 5868/06; cfr. anche Cass. Civ. Sez. III, 25270/09 con la quale si è precisato che tale esonero, concorde, potrebbe essere formulato dalle parti anche verbalmente). Il profilo disciplinare di una siffatta condotta prescinde comunque dal fatto che le parti abbiano esentato il notaio dal compimento delle visure (cfr. Cass. Civ., Sez. II, 12797/2014).
E' stato inoltre deciso che, pur in presenza dell'esonero predetto, il notaio comunque è responsabile quando anche avesse avuto il semplice sospetto dell'esistenza di formalità pregiudizievoli (Cass. Civ., Sez. III, 15726/10). Il detto orientamento è stato ulteriormente rettificato. Fermo infatti rimanendo che l'obbligazione di effettuare le visure ipotecarie e catastali incombe comunque sul notaio a prescindere se il trasferimento immobiliare procede per scrittura privata o per atto pubblico, essa viene fatta derivare non già da una specifica diligenza professionale, bensì dal canone generale di cui all'art.1175 cod.civ.. Per di più si è messo a fuoco come anche un espresso esonero delle parti debba soddisfare precisi requisiti (Cass. Civ., Sez. III, 16990/2015).

A volte però l'accertamento della condotta negligente non basta. Se infatti si potesse concludere che, anche nell'ipotesi in cui ci si fosse comportati con adeguato scrupolo professionale, comunque l'esito sarebbe stato negativo, il danno non potrà essere considerato risarcibile (Cass. Civ., Sez. III, 16905/10).

Una volta accertata la sussistenza della responsabilità in parola, il professionista può addirittura essere condannato al risarcimento del danno in forma specifica. E' stato così statuito che il notaio debba, sia pure a determinate condizioni, procurare la cancellazione della formalità pregiudizievole che colpisca il bene, formalità non rilevata nel corso delle visure ipocatastali non diligentemente eseguite (Cass. Civ. Sez. II, 14813/06).
In relazione alle suddette inosservanze il notaio non può invocare la imitazione di responsabilità prevista per il professionista dall'art. 2236 cod. civ. con riferimento al caso di prestazione implicante la soluzione di problemi tecnici di speciale difficoltà, in quanto tale inosservanza non è riconducibile ad imperizia, cui trova applicazione quella limitazione, ma a negligenza o imprudenza, cioè alla violazione del dovere della normale diligenza professionale media esigibile ai sensi del II comma dell'art. 1176 cod. civ., rispetto alla quale rileva anche la colpa lieve, essendo inapplicabile l'art. 2236 cod. civ. (cfr. Cass. Civ. Sez. III, 5946/99).

La professione notarile, in definitiva, è ritenuta tale da implicare l'impiego di una seria diligenza Cass.Civ., 5158/01 e Cass. Civ. Sez. II, 1228/03 (si veda anche Cass. Civ. Sez. III, 14934/02 relativamente alla legittimazione attiva a far valere la responsabilità del professionista).

Inoltre, come statuito dal Supremo Collegio, la funzione del notaio non si esaurisce nella mera registrazione delle dichiarazioni delle parti, ma si estende all'attività di consulenza (ad esempio circa le modalità di perfezionamento di una cessione di credito derivante da un appalto pubblico: Cass. Civ. Sez. III, 14450/06), anche fiscale, nei limiti delle conoscenze che devono far parte del normale bagaglio di un professionista che svolge la sua attività principale nel campo della contrattazione immobiliare. Rientra, dunque, negli obblighi del notaio, ai sensi dell'art. 1176 cod. civ. , prestare alle parti adeguata assistenza fiscale, informandole dell'esistenza in loro favore di eventuali esenzioni fiscali. In assenza di tale informazione, il notaio risponde nei confronti del cliente per il danno da quest'ultimo subito in conseguenza della mancata fruizione dei benefici fiscali, sempre che non sia possibile per il contribuente ottenere la restituzione dell'imposta pagata in eccedenza (cfr. Cass. Civ. Sez. II, 309/03). Si pensi anche alle conseguenze afferenti alla richiesta di applicazione, effettuata in un atto di compravendita, dell'imposta di registro in base alla richiesta ex art. art.12 D.l. 70/88 di attribuzione della rendita catastale non ancora attribuita all'unità immobiliare oggetto della negoziazione: è stato deciso al riguardo come il notaio debba occuparsi della relativa istanza o quantomeno rendere edotte le parti della rilevanza del relativo procedimento (Cass. Civ. Sez. II, 7857/08). Addirittura ci si è spinti fino a ritenere responsabile il notaio per non aver avvisato il cliente delle conseguenze relative all'indicazione di dati non veritieri o non plausibili in riferimento al computo dell'INVIM, imposta ormai non più in vigore (Cass. Civ., Sez. II, 26369/2014). V'è tuttavia di più: quand'anche il notaio non avesse tenuto una condotta negligente, come nel caso in cui le parti, debitamente consigliate da commercialisti, avessero instato per l'assoggettamento ad IVA del corrispettivo di una vendita mentre l'Ufficio avesse reputato piuttosto applicabile l'imposta di registro, comunque a di lui carico l'Ufficio potrebbe emettere avviso di liquidazione dell'imposta principale (CTR Firenze, Sez. V, 2455/2014).

Gli obblighi di informazione non possono non investire questioni di speciali rilevanza, quali ad esempio le conseguenze scaturenti dal mancato frazionamento di mutuo ipotecario che la parte acquirente si accolli in sede di acquisizione dell'immobile (Cass. Civ. Sez. III, 264/06). Occorre riferire che, proprio in relazione a siffatto rischio, il legislatore è intervenuto addirittura prescrivendo il divieto di procedere al perfezionamento dell'atto di vendita in difetto di preventivo frazionamento dell'ipoteca sussistente sull'intero complesso immobiliare (art.8 D. Lgs. 20 giugno 2005, n. 122). Si pensi ancora all'indicazione dell'espressione "salvo conguaglio" con riferimento alla quota di un mutuo ipotecario oggetto di accollo all'acquirente, quota che fosse stata indicata in misura notevolmente inferiore rispetto a quella poi palesatasi nella realtà (Cass. Civ., Sez. III, 546/12).
Per quanto attiene invece al rischio connesso all'acquisto di un immobile il cui titolo di provenienza sia stato specificamente indicato come un acquisto per usucapione, tuttavia non accertata giudizialmente, si veda Cass. Civ. Sez. II, 2485/07 che ha escluso la responsabilità del notaio in conseguenza del semplice inserimento nell'atto di una clausola dalla quale possa ritrarsi la consapevolezza di siffatto rischio.
Ancora il notaio è stato reputato responsabile per aver omesso di eseguire l'annotazione dell'atto di costituzione di fondo patrimoniale a margine dell'atto di matrimonio (Cass. Civ. Sez. II, 16187/03) nonchè per avere errato nell'indicazione del nome nel redigere un verbale di protesto (Cass. Civ. Sez. III, 7495/08).

Al notaio sono inoltre demandati ulteriori compiti aventi rilevanza pubblicistica, che si sostanziano nell'erezione di inventari, nell'attività di protestare titoli di credito. Ne segue che egli sia responsabile per la condotta negligente nella esplicazione di tali compiti (cfr. Cass. Civ., Sez. III, 15861/2015 in tema di ritardo nel protesto di assegno bancario).

Diversa rispetto alla responsabilità di cui si è fatto cenno è quella relativa alla solidarietà passiva che vede il notaio tenuto, quale responsabile di imposta (pur rimanendo le parti obbligate quali destinatarie sostanziali degli effetti dell'atto: Cass. Civ., Sez. VI-V, sent. n. 5016/2015), a corrispondere all'Erario le somme dovute a fronte della registrazione dell'atto perfezionato per il suo tramite (cfr. l'art.57 T.U. sull'imposta di registro di cui al D.P.R.. 131/86). L'eventuale pagamento effettuato dal pubblico ufficiale definisce il rapporto tributario anche rispetto all'obbligato principale, che più non potrebbe pertanto domandare all'Amministrazione finanziaria il rimborso di quanto corrisposto (Cass. Civ. Sez. V, 4047/07). Così il notaio risponde in via solidale delle imposte dovute a fronte del conferimento in natura effettuato nel corso di un'operazione di aumento del capitale sociale (Cass. Civ., Sez.V,6606/11). Ciò tuttavia non implica l'automatica estensione alla parte della portata della pronunzia favorevole al notaio (Cass. Civ., Sez. V, 20533/2016).
La peculiare posizione pubblicistica del notaio informa anche le conseguenze del mancato versamento delle imposte e dei tributi pure allo stesso corrisposti dal cliente. Al riguardo è stato deciso che la predetta condotta non integra semplicemente il reato di appropriazione indebita, bensì piuttosto di peculato (Cass. Pen., Sez.V, 47178/09; Cass. Pen., Sez. VI, 33879/2015). La consapevole inesattezza delle imputazioni effettuate telematicamente allo scopo di evitare la corresponsione delle imposte anticipate dai clienti può parallelamente determinare il perfezionamento anche del reato di falso ideologico (Cass. Pen., Sez. V, sent. n. 30512/2014), mentre l'appropriazione di somme asseritamente dovute a fronte di imposte in effetti da non pagarsi configura il reato di truffa aggravata (cfr. Cass. Pen., Sez. IV, sent. n. 20132/2015 in riferimento alla liquidazione di imposta operata in base al valore venale dei beni dichiarato dai clienti a vendite in relazione alle quali veniva poi invocata l'applicazione del "prezzo/valore" all'insaputa delle parti). In ogni caso, a prescindere dalla contestazione delle fattispecie di reato penale di cui sopra, il sistematico ritardo nel versamento delle imposte comunque versate dai clienti costituisce illecito disciplinare, come tale sanzionabile ai sensi dell'art.147 l.n. (Cass. Civ., Sez. II, 4206/2016).

Assai rilevante è porre in luce il problema dell'individuazione del dies a quo di decorrenza del termine prescrizionale del diritto al risarcimento del danno sorto in favore del cliente in conseguenza della difettosa prestazione professionale. In proposito all'orientamento tradizionale secondo il quale tale momento andava indicato nella data di stipulazione dell'atto pubblico (o della scrittura privata autenticata) si è da ultimo opposto un parere differente, secondo il quale la prescrizione inizierebbe a decorrere dal momento in cui il danno si manifesta all'esterno, divenendo percepibile (Cass. Civ., Sez. II, 6747/2016; Cass. Civ. Sez.III, 3176/2016; Cass. Civ. Sez. III, 16463/09).

Dalla condotta generatrice di responsabilità professionale di cui sopra si differenziano quei comportamenti del notaio atti ad integrare gli estremi dell' illecito disciplinare. Il relativo procedimento è regolato dalla legge notarile (cfr. l'art. 158 e ss. della Legge 89/13). L'illecito disciplinare (cfr. Cass. Civ., Sez. II, 1170/2014 relativamente all'omissione del versamento delle imposte per carenza di provvista sul conto corrente) può ovviamente convivere con altre, talvolta più gravi, violazioni. Si pensi alla mancata registrazione e trascrizione degli atti ed al conseguente incameramento delle somme percepite dal cliente, ciò che può configurare, come già detto più sopra, gli estremi del reato di peculato. Giova peraltro rilevare come possa essere considerata circostanza attenuante, sotto il profilo disciplinare (cfr. l'art. 144 della Legge 89/13), l'essersi successivamente attivato provvedendo, seppur tardivamente, all'effettuazione delle formalità (Cass. Civ., Sez. II, 3203/2014).
Le controversie in materia di impugnazione dei provvedimenti disciplinari e delle misure cautelari sono regolate, ai sensi dell'art. 26 del D. Lgs. 150/11, dal rito sommario di cognizione.

A tal fine occorre fare riferimento ai precetti imposti non già dalle norme di cui al codice civile, bensì a quelle che si ritraggono dal c.d. codice deontologico (approvato dal CNN con deliberazione 2/56 del 5 aprile 2008 pubbl. su G.U. 30 luglio 2008), che viene a disciplinare gli specifici aspetti della professione notarile. La violazione di tali precetti espone il notaio alle sanzioni disciplinari di cui alla legge notarile, sanzioni che possono assumere una pregnanza notevole, giungendo fino alla sospensione dalla professione o alla destituzione nei casi più gravi. Per tale via risulta possibile sanzionare comportamenti che, altrimenti, non potrebbero rinvenire una reazione adeguata per effetto della tutela, comunque concorrente, offerta dall'apparato codicistico. E' stata, ad esempio, reputata come contraria al decoro della classe notarile la condotta del notaio che trattenga senza giustificazione denaro o documenti di terzi (Cass. Civ., Sez. VI, 11791/11). Va peraltro rammentato che l'eliminazione delle tariffe minime come elemento vincolante operata dalla c.d. "legge Bersani" (l.248/2006) non rende passibile di sanzione disciplinare il notaio che pratichi sistematicamente onorari inferiori rispetto a quelli indicati dal Consiglio notarile di appartenenza (Cass. Civ., Sez. II, 3715/13). Il problema, caso mai, è quello della qualità della prestazione notarile, dal momento che la prassi di indiscriminati ribassi della parcella può ben essere l'indice di una frettolosità e superficialità della condotta professionale contraria agli obblighi minimi di diligenza (Cass. Civ., Sez. II, 9793/13, si veda anche Cass. Civ., Sez. II, 10008/2015).

Note

nota1

Alpa, Aspetti attuali della responsabilità del notaio, in Riv. not., 1984, fasc.5-6, p. 989; Amitrano, Accertamento, da parte del notaio, dell'identità delle parti e responsabilità professionale del medesimo (nota a sent. Appello di Cagliari, 15 maggio 1995), in Riv. giur. Sarda, 1996, vol. I, fasc.1, p. 384. Cfr. anche la più recente Cass. Civ. Sez. III, 9757/05 nonchè Appello di Roma, 8 gennaio 2013. Da ultimo è stato deciso che il notaio non è responsabile dei danni che taluno subisca in relazione alla discordanza tra identità effettiva ed identità attestata del comparente ogniqualvolta l'identificazione sia avvenuta sulla scorta di una pluralità di elementi, quali l'esibizione di un documento di identità, la dichiarazione delle parti relativamente alla pregressa conoscenza, l'esibizione ad opera della parte di documentazione afferente alla stipulando negoziazione (Cass. Civ. Sez. III, 15424/04). Andretta, Scrittura privata autenticata e responsabilità del notaio (nota a sent. Tribunale di Monza, 20 gennaio 1993), in Riv. notar., 1994, vol. I, p. 1092; Andrini, Responsabilità del notaio e atto annullabile. Aspetti notarili e nuovo orientamento della Cassazione sull'art. 28, in Vita not., 1998, vol. II, p. 701; Angeloni, La responsabilità civile del notaio: il punto sull'evoluzione normativa e giurisprudenziale anche con riferimento al recepimento della direttiva Cee 93/13 sulle clausole abusive, in Contratto e impresa, 1999, vol. II, p. 619; Angeloni, Responsabilità del notaio e clausole abusive, Milano, 1999; Antinozzi, La responsabilità del notaio per attestazione d'identità personale non rispondente al vero (nota a sent. Cass. Civ. Sez. I, 3274/86), in Dir. e prat. assicur., 1987, p. 343.
top1

nota2

Addirittura è stato deciso nel senso che il notaio risponda del danno morale conseguente alle sofferenze ed ai patemi d'animo che l'acquirente abbia riportato in seguito alla scoperta di formalità pregiudizievoli sul bene acquistato e venduto come libero. Ciò sia pure indipendentemente dal danno biologico riportato, danno che non è stato ritenuto causalmente riconducibile all'operato negligente del professionista in riferimento al principio della regolarità causale (Tribunale di Pescara, 27 giugno 2005). Per quanto attiene invece al profilo risarcitorio, è stato deciso che il risarcimento del danno conseguente alla negligente esecuzione delle visure possa intervenire anche in forma specifica, procurando la cancellazione dell'ipoteca erroneamente non rilevata (Cass. Civ., Sez. III, 903/13; Cass. Civ., Sez. III, 15305/13). Nè si potrebbe dire escluso il profilo risarcitorio per mancata esecuzione delle visure quando le parti avessero già concluso contratto preliminare tra loro (Cass. Civ., Sez. III, 3657/13) e neppure quando fosse intervenuto l'esonero dal compierle (cfr. la citata Cass. Civ., Sez. III, 15305/13).
top2

Guide operative pratiche


Bibliografia

  • ALPA, Aspetti attuali della responsabilità del notaio, Riv. not. , fasc.5-6, 1984
  • AMITRANO, Accertamento, da parte del notaio, dell'identità delle parti e responsabilità professionale del medesimo, Riv. giur. sarda, Vol. I, fasc.1, 1996
  • ANDRETTA, Scrittura privata autenticata e responsabilità del notaio, Riv. notar., Vol. I, 1994
  • ANDRINI, Responsabilità del notaio e atto annullabile. Aspetti notarili e nuovo orientamento della Cassazione sull'art.28, Vita not., Vol. II, 1998
  • ANGELONI, La responsabilità civile del notaio: il punto sull'evoluzione normativa e giurisprudenziale anche con riferimento al recepimento della direttiva Cee 93/13 sulle clausole abusive, Contratto e impresa, II, 1999
  • ANGELONI, Responsabilità del notaio e clausole abusive, Milano, 1999
  • ANTINOZZI M., La responsabilità del notaio per attestazione d'identità personale non rispondente al vero, Dir. e prat. assicur., 1987

Prassi collegate

  • Dalla parte del codice deontologico. Decisioni e spunti di interesse. Mentite spoglie, ipocrisia e rinnovamento del Notariato
  • Quesito n. 92-2015/T, Modalità di tenuta del registro delle operazioni imponibili dell’imposta sulle transazioni finanziarie per i notai
  • Quesito n. 663-2014/T, Redditi diversi di natura finanziaria - decorrenza dell’aumento dell’aliquota al 26 per cento e affrancamento
  • Quesito n. 322-2014/T, Atto di assegnazione di immobili a favore di un fallimento e prenotazione a debito delle imposte indirette
  • Quesito n. 750-2013/T, Compensazione e rimborso di imposta principale postuma versata in eccesso
  • Studio n. 149-2012/C, Atti simulati o fraudolenti finalizzati alla sottrazione di beni alla riscossione di imposte
  • Quesito n. 188-2014/T, Operazioni rilevanti dichiarazione ftt (cd. tobin tax)
  • Tobin Tax: il punto della situazione
  • Il notaio non risponde per la mancata comunicazione della pec al registro delle imprese
  • Studio n. 218-2013/T Il ruolo del Notaio nell'applicazione della Tobin Tax (Art. 1, commi 491-500, L. 24 dicembre 2012, n. 228
  • Adempimento unico e mediazione tributaria
  • Studio n. 8-2011/T, Prestazioni notarili per soggetti residenti all’estero: profili iva a seguito delle modifiche al regime di territorialità
  • Aumento del capitale sociale e obbligazione solidale del notaio al versamento dell'imposta sui conferimenti, i limiti
  • Quesito n. 610-2009/C, Atto di assenso a cancellazione di ipoteca giudiziale derivante da decreto ingiuntivo
  • Studio 1-2009/A, Il notaio e le obbligazioni extracontrattuali
  • Studio n. 6-2009/E, La vendita dei beni sottoposti a procedura espropriativa immobiliare
  • Studio n. 24-2008/E, Estinzione del processo esecutivo, aggiudicazione provvisoria ed offerta in aumento
  • Quesito n. 564-2008/C, Pignoramento ultraventennale, visure ipotecarie e responsabilità notarile
  • La responsabilità civile del notaio: le posizioni di dottrina e giurisprudenza
  • Il pagamento eseguito dal notaio definisce il rapporto tributario anche con il contribuente
  • L'obbligo assicurativo della responsabilità professionale del notaio
  • Istituzione e Regolamentazione del Fondo di Garanzia ai sensi dell’articolo 3 del D.lgs. 4 maggio 2006, n. 182
  • Note sulle tipologie dei sinistri più frequenti in tema di RC Professionale dei Notai

News collegate

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

La responsabilità del notaio
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "La responsabilità del notaio"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto