Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

La procura: definizione



La fonte prioritaria del potere rappresentativo volontario (diretto) si rinviene nella procura (artt. 1392  e ss. cod.civ.).

Essa consiste  in un negozio unilaterale (del quale viene per lo più affermata la natura recettizia nota1, ciò che sarà assoggettato a distinta disamina), in forza del quale il rappresentato conferi­sce al rappresentante l'autorizzazione ad agire in suo nome nota2

In conseguenza del rilascio della procura gli effetti dell'azione giuridica del rappresentante vengono imputati direttamente in capo al rappresentato.

Secondo la tesi  assolutamente prevalente nota3, l'ambito dell'istituto della rappresentanza avrebbe ad oggetto non solo gli atti negoziali, bensí qualsiasi atto giuridico lecito come comunicazioni, diffide, pagamenti. Rimangono esclusi gli atti c.d. personalissimi: il c.d. matrimonio per procura di cui all'art. 111 cod.civ. non è altro se non una fattispecie di ambasceria nota4.

Note

nota1

Sul carattere recettizio della procura si veda Cariota Ferrara, Il negozio giuridico nel diritto privato italiano, Napoli, 1962, p.158; Natoli, La rappresentanza, Milano, 1975, p.53 e Visintini, Della rappresentanza, in Comm.cod.civ., a cura di Scialoja-Branca, Bologna-Roma, 1993, p.254.
top1

nota2

Bianca, Diritto civile, vol.III, Milano, 2000, p.83; Bigliazzi Geri, voce Procura, in Enc.dir., vol.XXXVI, p.995.
top2

nota3

Cfr. Chianale, La rappresentanza, in I contratti in generale, t.2, a cura di Gabrielli, Torino, 1999, p.1130.
top3

nota4

In questo senso anche Finocchiaro, Matrimonio civile. Formazione, validità, divorzio, Milano, 1989, p.45 e Bigliazzi-Geri, cit., p.1007, anche se non mancano coloro che sostengono che anche questa fattispecie  altro non sarebbe se non una rappresentanza in senso tecnico (Del Pasqua, Il matrimonio per procura, in Giust.civ., IV, 1976, p.163 e Bove, Il matrimono civile: condizioni, formalità preliminari, opposizione e celebrazione, in Trattato di dir.priv., dir. da Rescigno, I, 2, Torino, 1982, p.619).
top4

Bibliografia

  • BIGLIAZZI GERI, Procura, Enc.dir., XXXVI, 1987
  • BOVE, Il matrimonio civile: condizioni, formalità preliminari, opposizione e celebrazione, Torino, Trattato di dir.priv. Rescigno, I, 1982
  • CARIOTA-FERRARA, Il negozio giuridico nel diritto privato italiano, Napoli, 1962
  • CHIANALE, La rappresentanza. , Torino, I contratti in gener., a cura di Gabrielli, 2, 1999
  • DEL PASQUA, Il matrimonio per procura, Giust.civ., IV, 1976
  • FINOCCHIARO, Matrimonio civile. Formazione, validità, divorzio, Milano, 1989
  • NATOLI, La rappresentanza, Milano, 1975
  • VISINTINI, Della rappresentanza, Bologna-Roma, Comm. del c.c. Scialoja-Branca, 1993

Prassi collegate

  • La rappresentanza negli acquisti immobiliari alle vendite forzate
  • Quesito n. 760-2008/C, Se nella procura a vendere sia ricompreso anche il potere di stipulare il preliminare
  • Quesito n. 601-2007/C, Procura generale e clausola che prevede la facoltà del rappresentante di stipulare convenzioni matrimoniali

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

La procura: definizione
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "La procura: definizione"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto