Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

La prescrizione dell'azione ex art. 2395 cod.civ. (società per azioni)




Ai sensi del II comma dell'art. 2395 cod.civ. , l'azione intesa a far valere la responsabilità degli amministratori per i danni cagionati direttamente al singolo socio ovvero al terzo (senza cioè che il pregiudizio sia a questi derivato da quello eventualmente subito dall'ente sociale per effetto della condotta gestionale) può essere esercitata entro cinque anni dal compimento dell'atto che abbia danneggiato il socio o il terzo.

Prima della riforma del 2003, poiché la maggioranza della giurisprudenza riteneva che la responsabilità ex art. 2395 cod.civ. possedesse natura extracontrattuale, si faceva al riguardo applicazione dell'art. 2947 cod.civ. , secondo cui il diritto al risarcimento del danno da illecito si prescrive in cinque anni dal giorno in cui il fatto si è verificato, intendendosi per fatto non la semplice azione od omissione, bensì l'evento lesivo nel suo complesso, comprensivo anche del verificarsi del danno. Attualmente a tale configurazione risulta preferibile quella che fa perno sulla natura contrattuale della forma di responsabilità in parola. Ne deriverebbe l'inapplicabilità della norma citata.

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

La prescrizione dell'azione ex art. 2395 cod.civ. (società per azioni)
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "La prescrizione dell'azione ex art. 2395 cod.civ. (società per azioni)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto