Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

La donazione si praemoriar



La premorienza del disponente rispetto al beneficiario di una donazione può rappresentare l'evento dedotto sotto una condizione sospensiva, verificatasi la quale è previsto che l'atto di liberalità acquisti efficacia.

Si parla a tal proposito di donazione si praemoriar (=se premuoia, a condizione che premuoia).

Mentre, come più approfonditamente viene esaminato in tema di patti successori, la c.d. donazione mortis causa (dalla quale comunque non scaturisce nessuna aspettativa, se non di mero fatto) è nulla, è invece valida la donazione munita della clausola in esame. In essa l'evento morte non funge da causa dell'attribuzione, bensì da evento dedotto nell'ambito di un elemento accidentalenota1 .

Il donatario diviene, in conseguenza della stipulazione, immediatamente titolare di un'aspettativa giuridicamente tutelata, vale a dire di una situazione giuridica soggettiva corrispondente a quella che acquista ogni acquirente sotto condizione sospensiva. Ciò consente al medesimo di compiere atti conservativi (art. 1356 , I° comma cod.civ.), financo di disporre dell'aspettativa medesima, ad esempio alienandola (art. 1357 cod.civ.)nota2.

La figura in esame potrebbe al più dissimulare un patto successorio istitutivo a titolo gratuito, ogniqualvolta il donante avesse in questa maniera inteso disporre della propria futura successione, considerando come ereditari i beni di cui viene a disporre con l'atto di liberalità. In questi casi rimane aperta un'eventuale impugnativa dell'atto compiuto in fronde alla legge (art. 1344 cod.civ.)nota3.



Note

nota1

La condizione si praemoriar incide perciò sugli effetti e non sulla funzione del contratto: cfr. Palazzo, voce Donazione, in Digesto delle discipline privatistiche, vol.III, 1991, p.143.
top1

nota2

La donazione è infatti irrevocabile e la volontà del disponente non può influire in alcun modo sulla sorte dell'attribuzione, la quale dipende solo dal verificarsi dell'evento condizionale (Torrente, La donazione, in Trattato di dir.civ. e com., dir. da Cicu-Messineo, vol.XXII, Milano, 1956, p.311 e Carnevali, Le donazioni, in Trattato di dir.priv., dir. da Rescigno, vol.II, Torino, 1982, p.490).
top2

nota3

Capozzi, Successioni e donazioni, t.1, Milano, 1983, p.33.
top3

 

Bibliografia

  • CAPOZZI, Successioni e donazioni, Milano, II, 1982
  • CARNEVALI, Le donazioni, Torino, Trattato Rescigno, VI, 1982
  • PALAZZO, Donazione, Torino, Dig.disc.priv. sez.civ., 1991
  • TORRENTE, La donazione, Milano, Tratt.dir.civ. e comm. diretto da Cicu-Messineo, 2006

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

La donazione si praemoriar
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "La donazione si praemoriar"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto